Stima: COVID-19 riduce qualità sperma uomini del 50%.

Gli uomini che hanno superato il Covid-19, ma hanno sofferto di questa infezione in modo moderato o grave, potrebbero sperimentare una ridotta fertilità e non si sa per quanto tempo durerebbe quella complicazione.

Secondo Dan Aderka, oncologo e immunologo israeliano, la conclusione è preliminare, perché si basa su una revisione e confronto di almeno 40 studi pubblicati da altri autori. Tuttavia, dai casi in cui la quantità e la motilità degli spermatozoi sono state misurate in pazienti guariti, si accumula una statistica che rivela un calo del 50% circa di questi indici.

“Non sappiamo ancora se questi effetti del COVID-19 siano reversibili”, ha detto Aderka in dichiarazioni ai media israeliani.

Ha anche ricordato che i precedenti ceppi di coronavirus hanno causato infertilità maschile in circa 1 uomo infetto su 10, oltre a problemi come l’atrofia testicolare e la diminuzione della secrezione di sperma. Inoltre, la letteratura analizzata da Aderka mostra che il virus era stato trovato nello sperma del 13% dei pazienti maschi in fase acuta della malattia e nell’8,6% di quelli in fase di guarigione. Quelle tracce dell’infezione sono scomparse un mese dopo.

Tuttavia, lo specialista non ritiene che il Covid-19 possa essere trasmesso sessualmente e sottolinea che la fertilità degli uomini che hanno sperimentato una forma lieve della malattia non è stata influenzata.

Alla luce di questi risultati, il medico, che è anche professore all’Università di Tel Aviv, intende sottoporre la sua analisi delle pubblicazioni per la revisione tra pari. È inoltre previsto lo svolgimento di uno studio prospettico su pazienti maschi che erano in trattamento per il coronavirus in Israele.