Scoperto Asteroide troiano nell'orbita terrestre, il secondo mai registrato

SPAZIO NEWS – Un gruppo internazionale di astronomi ha scoperto un asteroide che segue l’orbita terrestre, circostanza che lo rende solo il secondo oggetto di questo tipo mai rilevato nel percorso del nostro pianeta. Chiamato 2020 XL5, il corpo celeste appartiene ai cosiddetti asteroidi troiani, di cui se ne conoscono migliaia, anche se non ne sono stati trovati altri che condividono quella posizione orbitale.

L’Asteroide troiano appena scoperto rimarrà nella sua orbita attuale per almeno 4000 anni, prima che le oscillazioni nel suo movimento raggiungano il grado di essere espulso dall’orbita terrestre e in altre aree dello spazio. Secondo un rapporto pubblicato su Nature Communications, la roccia in questione, di 1,180 metri di diametro, è di tipo carbonaceo ed è tra gli oggetti più antichi del sistema solare, quindi è un oggetto di interesse nel contesto dell’inchiesta delle prime fasi del sistema

planetario.

Gli asteroidi troiani si muovono attorno al sole che condivide l’orbita di un pianeta, muovendo vicino a punti stabili di equilibrio gravitazionale (noto come punti lagrange), davanti o dietro il pianeta. Gli astronomi della NASA hanno scoperto il primo asteroide Trojan della terra più di un decennio fa. Il cosiddetto TK7 2010 misura 300 metri di diametro e rimarrà nell’orbita terrestre per circa 15 mila anni.

L’osservazione di questi due oggetti fornisce agli astronomi uno strumento per la ricerca di altri potenziali asteroidi troiani non ancora noti. Il ricercatore César Briceño, dal centro astronomico americano NOIRLab: “Se siamo in grado di scoprire i troiani più terrestri, e se alcuni avessero avuto orbite con inclinazioni più basse, potrebbe essere più economico raggiungerle rispetto alla nostra Luna“.