Scoperto insetto fossile di 105 milioni di anni fa.

Incredibile scoperta nella città di Utrillas, Turolense, situato nella comunità autonoma dell’Aragona, in Spagna. Qui, un gruppo di scienziati ha scoperto un’ambra estratta da un sito di San Giusto: un insetto di almeno 105 milioni di anni. È una specie simile a quella di una mantide religiosa.

L’ultima scoperta è un nuovo tipo di insetto “mantispido“, che è stato trovato in un pezzo di ambra che era stato estratto durante uno scavo effettuato in quel sito nel 2010. La notizia è stata diffusa poche ore fa dall’Istituto geologico e minerario della Spagna del Ministero di Scienza, Innovazione e Università.

La ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati dalla rivista Scientific Reports of Nature, è tra i progetti finanziati dall’Agenzia statale per la ricerca, per individuare, estrarre e studiare l’ambra cretacea della penisola iberica.

Uno dei responsabili delle indagini, il paleobiologo del Museo Geominero Enrique Peñalver, ha sottolineato che i “mantispidi” sono estremamente scarsi tra i reperti fossili, specialmente in ambra, e ha sottolineato che la scoperta è la chiave per capire come si è evoluto questo gruppo di insetti predatori.

Questo nuovo fossile è la chiave per capire come si sono evolute le zampe di rapace in questo gruppo di insetti predatori altamente specializzati nella caccia, poiché quelli degli insetti cretacei, come quello che è stato scoperto ora, avevano strutture specializzate molto diverse da quelle dei loro attuali parenti .

La conservazione altamente frammentata dell’esemplare fossile di questo insetto contrasta con la buona conservazione delle zampe dei rapaci, che mostrano una complessa dotazione di spine e altre strutture di presa, che ha permesso per la prima volta un confronto dettagliato tra i “mantispidi” fossili e quelli attuali.

L’insetto è stato chiamato Aragomantispa lacerata.

La nuova specie è stata dedicata ad Aragona ed è stata battezzata come “Aragomantispa lacerata“, secondo l’Istituto geologico e minerario, che ha ricordato che nello stesso sito e durante lo stesso scavo è stata scoperta un’autentica mantide (che si chiamava “Aragonimantis aenigma“).

Ricardo Pérez de la Fuente, coautore della pubblicazione e ricercatrice del Museo di storia naturale dell’Università di Oxford, ha sottolineato che è la prima volta che un fossile mantispido si trova nella penisola iberica. Questa scoperta rivela anche che questi insetti abitavano questa regione del pianeta più di 100 milioni di anni fa.

Sebbene a prima vista sembri una “mantide religiosa” e cacciata in modo simile, l’insetto che è stato trovato nel sito di Turolense appartiene a un gruppo molto diverso di insetti ed è collegato ad altri come crisopas o formiche di leone.

Il pezzo di ambra con l’esemplare della nuova specie, incapsulato in resina sintetica di alta qualità per la sua conservazione, si è unito al patrimonio

paleontologico dell’Aragona ed è depositato nella collezione della Fondazione paleontologica congiunta di Teruel-Dinópolis.

“Questo nuovo organismo si unisce alla raccolta di forme di vita estinte mostrate dall’ambra turolense e partecipa indubbiamente in modo prominente alla nostra visione dell’ecologia delle foreste cretacee, per essere un grande predatore nel piccolo mondo degli insetti“, indica Enrique Peñalver.