Satelliti e Detriti: Spazzatura Spaziale invade Orbite Terrestri Basse

L’essere umano sembra molto preoccupato per l’ambientalismo sulla Terra. Tuttavia, da più di mezzo secolo lancia sempre più oggetti in orbite basse del pianeta, dove non ci sono molte restrizioni e l’ascesa di compagnie private impegnate in missioni o tour spaziali non farà che aumentare il numero di mega-costellazioni di satelliti e ancora più spazzatura spaziale.

La comunità scientifica concorda sul fatto che abbiamo raggiunto un punto di svolta, in cui i detriti continuerebbero ad aumentare anche se tutti i lanci in orbita cessassero. Questa è la situazione oggi.

9900 tonnellate di oggetti nello spazio

Sono stati catalogati il numero di oggetti nello spazio, sia i satelliti che orbitano attorno alla Terra che il numero di oggetti che sono stati lasciati fluttuare come detriti spaziali. Secondo i dati raccolti da diverse agenzie spaziali, ci sono attualmente un totale di 5843 satelliti attivi e più di 9900 tonnellate di oggetti nello spazio nella somma di entrambi i concetti.

Numero di satelliti nello spazio = 8636
Satelliti attivi ora = 5843
Oggetti nel catalogo SSN (10 cm) = 31430
Numero di eventi distruttivi = 630
Massa totale di oggetti nello spazio = 9900 tonnellate
Oggetti stimati 10 cm = 36500
Oggetti stimati 1 cm e 10 cm = 1 milione
Oggetti stimati 1cm = 130 milioni

Secondo i dati forniti dalla NASA, ci sono attualmente più di 20 mila pezzi di detriti intorno al nostro pianeta più grandi di una palla da baseball. Ma non è solo questo, poiché in orbita sono anche oltre mezzo milione di pezzi di detriti che hanno le stesse dimensioni di una biglia. Insieme a tutti questi pezzi, ci sono anche più di 100 milioni di frammenti di dimensioni inferiori a un millimetro.

Satelliti e Detriti: Spazzatura Spaziale invade Orbite Terrestri Basse

Tutta questa spazzatura spaziale può essere un grosso problema quando si svolgono diverse missioni spaziali.

Durante il decollo dalla Terra, se un razzo attraversa un’area in cui la concentrazione di rifiuti è maggiore, può mettere a rischio l’integrità della nave e la sicurezza delle persone al suo interno. Proprio da certi eventi distruttivi sono emersi anche migliaia di frammenti detritici.

Date | Evento | Oggetti | Frammenti >10 cm
11 gennaio 2007 ASAT Cina FY-1C 3500
10 febbraio 2009 Cosmos Impact 2251 1668
15 novembre 2021 ASAT Russia Cosmos 1408 1500
3 giugno 1996 Esplosione Razzo Pegasus Step-2 754
10 febbraio 2009 Impact Iridium 33 628
Febbraio 2008 Esplosione Cosmos 2421 509

Cosa facciamo con i detriti spaziali?

Dopo tanti decenni di accumulo di detriti in rapido movimento, sotto forma di stadi di razzi usurati, viti e schegge di vernice mancanti, detriti di motori a razzo a propellente solido, satelliti morti o morenti e frammenti sparsi da test missilistici anti-satellite (tutto ciò potrebbe danneggiare o distruggere altri dispositivi), le orbite terrestri basse sono piene di detriti spaziali.

La cifra sembra in aumento, visto che siamo nel pieno delle mega-costellazioni composte da migliaia di satelliti, come Starlink, una rete Internet a banda larga implementata dalla società SpaceX, e tanti altri progetti simili: un’altra mega-costellazione è già in fase di implementazione della società OneWeb e del progetto Kuiper di Amazon, che mira a creare uno fino a 3200 satelliti nel prossimo futuro.

Altri tipi di meccanismi sono stati testati per cercare di ridurre la quantità di detriti in orbita attorno alla Terra, come l’uso di un satellite che agiva come un magnete e attirava i detriti verso di essa. È anche possibile l’uso di satelliti robotici responsabili della raccolta dei detriti spaziali e del de-orbita.