rocce verdi pianeta marte ultima scoperta perseverance

ULTIME DALLO SPAZIO – Marte dovrebbe essere un pianeta caldo e secco, così rossastro da poter essere visto a milioni di Km di distanza, ma non lo è. In uno dei suoi crateri, il Jezero, si nascondono diverse rocce verdi che sembrano più terrestri che marziane.

Il rover Perseverance si è imbattuto in queste pietre da 6 pollici un paio di mesi fa mentre studiava come scorre l’acqua su Marte. Tuttavia, nessuno scienziato pensava che ciò che il robot avesse trovato fossero granelli di olivina, l’equivalente del peridoto che colora le spiagge hawaiane di un colore verdastro.

Ora che lo sanno, tutti sono sconcertati dall’idea che Marte avrebbe potuto essere verde.

Da dove vengono queste rocce verdi?

L’olivina è uno dei minerali più abbondanti all’interno delle rocce ignee, cioè nella lava solidificata. Ecco perché sono così comuni alle Hawaii, dove c’è un’attività vulcanica ricorrente.

Ma su Marte non è così. In effetti, è stato recentemente scoperto che il cratere Jezero era stato un grande lago miliardi di anni fa. Quindi, al posto delle rocce verdi, dovrebbero esserci rocce sedimentarie sul fondo di Marte. Questo era ciò che gli scienziati stavano cercando per convalidare la loro teoria sui sistemi fluviali, ma ciò che hanno scoperto è stato molto più interessante.

Queste gemme hanno quasi 4 miliardi di anni

La stima secondo l’analisi delle immagini della fotocamera Mastcam-Z, e ​​mostrano un’interazione limitata con l’acqua. Il che significa che il Pianeta Rosso deve aver vissuto in condizioni estreme durante i suoi primi anni di vita. Forse un’intensa attività vulcanica che ha prosciugato i fiumi marziani fino a quando sono rimasti solo i crateri.

Ma questa non è stata la cosa più curiosa della sua ricerca su Marte. Quando il rover Perseverance ha ottenuto questi campioni nel 2021, il team ha pensato che fossero rocce sedimentarie. Analizzandoli, si sono resi conto che queste rocce verdi su Marte assomigliavano in realtà a rocce ignee sulla Terra. Ma non a quelle che abbiamo in questi giorni, ma alle rocce ignee della Terra primordiale.

Questo era insolito per gli scienziati, poiché le rocce ignee si erodono quando le placche tettoniche le colpiscono.

Alcune rocce primitive esistono ancora sulla Terra, ma sono tutte scomposte dal contatto con l’acqua, i sedimenti e il vento. Tuttavia, le rocce verdi trovate su Marte sono in perfette condizioni. Questo nonostante abbia miliardi di anni.

Gli scienziati non sanno ancora perché, presumono solo che i crateri marziani abbiano aiutato a preservare queste rocce in modo da poterle vedere. Anche se questa risposta non è molto convincente. Ma, in ogni caso, la sua comparsa è una pietra miliare per la comunità scientifica.

Con queste rocce verdi siamo più vicini a comprendere l’origine di tutto

Il motivo per cui l’origine della Terra è ancora un mistero è perché le rocce ignee che potrebbero dirci com’era il clima primitivo sono andate perdute. Tuttavia, le rocce di olivina trovate su Marte potrebbero aiutarci a svelare diversi misteri dell’Universo. A cominciare, ovviamente, con la formazione dei pianeti del Sistema Solare, fino all’origine di Marte.

La ricerca della vita è uno degli obiettivi principali del rover Perseverance e uno dei motivi per cui è atterrato in primo luogo nel cratere di Jezero. Sebbene queste rocce verdi non abbiano rivelato alcuna forma di vita extraterrestre, potrebbero anche contribuire a rendere Marte un pianeta più abitabile.

In definitiva, questa versione primitiva di peridoto ha dimostrato ancora una volta che è necessario intraprendere una missione su Marte e vedere cosa sta succedendo.


Per approfondire:

  • Some Sand on The Red Planet is Actually Green [link esterno]
  • An olivine cumulate outcrop on the floor of Jezero crater, Mars [link esterno]