Ombra di Nave Aliena su Marte: clamore tra gli studiosi di Ufologia

La strana ombra è stata catturata sul Pianeta Marte ed è visibile su Google Mars alle coordinate 8°51’37.66″N 171°55’27.01″E. Diversi internauti hanno ipotizzato che potrebbe trattarsi della presenza di un satellite simile al mitico “Cavaliere Nero“, ma che sorvola il pianeta rosso.

L’obra è lunga circa 800 metri e appare su una montagna. Poiché non c’è nulla nelle vicinanze che possa proiettarla, si presume che provenga da qualcosa che era nei cieli del pianeta rosso in quel momento. “Non sembra l’ombra di qualcosa di naturale, sembra artificiale”, afferma Tyler Glockner del canale YouTube SecureTeam10 in cui è stato caricato un video sulla scoperta di cui sopra. “Sembra quasi la vista laterale di un aereo da combattimento o di un qualche tipo di aereo, con una coda e tutto il resto”.

Ma ciò che ha attirato maggiormente l’attenzione è la somiglianza della figura con quanto avvistato in una fotografia scattata dalla Stazione Spaziale Internazionale durante la missione STS-88 nel 1998: il «Cavaliere Nero».

Ombra di Nave Aliena su Marte: clamore tra gli studiosi di Ufologia

Dal punto di vista ufologico, il “Cavaliere Nero” (Dark Knight) è stato considerato da molti un satellite di origine extraterrestre e di età di 13.000 anni, in orbita attorno alla Terra con una traiettoria quasi polare. Tuttavia, critici e accademici l’hanno definita una teoria e un mito della cospirazione, stabilendo che questo particolare oggetto era spazzatura spaziale: uno scudo termico accidentalmente staccato durante la missione.

Comunque sia, nel video Tyler sovrappone l’ombra su Marte e la figura fotografata del Cavaliere Nero, mostrando una corrispondenza quasi esatta tra le due sagome.

Ma c’è ancora di più. Tyler ricorda che questo non è l’unico caso in cui qualcosa del genere è stato fotografato su Marte. Per questo torna alle sonde Phobos 1 e 2 per esplorare l’omonima luna marziana nel 1988.

Secondo quanto riferito, la prima sonda sovietica è stata persa a causa di un errore con il comando radio. Ma la seconda sonda Fobos raggiunse la luna marziana e iniziò a inviare immagini dell’atmosfera e dell’ambiente circostante. L’incredibile immagine mostrava alcuni oggetti molto strani, inclusa quella che sembrava essere un’ombra molto sottile a forma di eclissi sulla superficie.

E poco prima che la sonda scomparisse per sempre, ha inviato una foto che mostra un oggetto enorme tra la navicella e Marte. “Penso che la massiccia forma cilindrica vista in questa foto che è passata attraverso i giornali di tutto il mondo in quel momento, e la cui ombra allungata ci ricorda l’attuale scoperta su Marte, sia ciò che ha distrutto le sonde sovietiche”, conclude Tyler.