La popolazione mondiale sta per esplodere entro il 2050, con un’aspettativa di tre miliardi di bocche in più da sfamare rispetto all’anno 2010. Organizzazioni come il World Research Institute hanno svolto un ottimo lavoro nell’identificare i modi in cui possiamo nutrire quante più persone, utilizzando la stessa quantità di terra e riducendo le emissioni. È un compito gigantesco, ovviamente, ma gli studi ambientali concordano sull’importanza di:

  1. Ridurre i nostri stravaganti sprechi alimentari
  2. Portare le migliori pratiche nelle fattorie esistenti
  3. Mitigare la concorrenza con la produzione di biocarburanti
  4. Stabilizzare i tassi di fertilità a livello di sostituzione in ogni angolo del mondo
  5. Migliorare la produttività dell’acquacoltura

Missioni degne, tutte. Tuttavia, uno dei più importanti, e forse il più rilevante per qualsiasi consumatore che prevede di essere qui a metà del secolo, sarà il cambiamento delle nostre diete. Il pianeta semplicemente non può continuare a sostenere un sistema in cui miliardi di noi si aiutano a mangiare carne quattro o cinque volte a settimana.

“La carne di manzo, la carne di ruminante più consumata, è ad alta intensità di risorse da produrre, richiede 20 volte più terra ed emette 20 volte più gas serra per grammo di proteine ​​commestibili rispetto alle comuni proteine ​​vegetali come fagioli, piselli e lenticchie”.

Un enorme rapporto della rivista National Geographic fa eco a questo sentimento:

“L’espansione della prosperità in tutto il mondo, specialmente in Cina e India, sta guidando una maggiore domanda di carne, uova e latticini, aumentando la pressione per coltivare più mais e soia per sfamare più persone, bovini, suini e polli”.

Cioè, non solo ci saranno più bocche da sfamare tra 25 anni, ma ci saranno più bocche che cercheranno di mangiare nel modo in cui gli americani (e una dozzina di altri paesi occidentali) hanno mangiato per anni, con un’eccessiva dipendenza dalle fonti di cibo animali.

Un grafico recente di Freethink evidenzia alcuni degli alimenti che potrebbero entrare nelle nostre cucine entro il 2050. Questi includono ingredienti come la carne coltivata in cellule, ottenuta estraendo una coltura di cellule da un singolo animale, che viene trasformata in tessuto utilizzando un bioreattore. Il processo consente una sperimentazione affascinante: una startup chiamata Primeval Foods ora può offrire hamburger di leone e tacos di tigre.

Altrove: fai attenzione alle avventure culinarie nei regni di funghi, alghe, alghe, insetti e persino meduse. Esistono 20 diverse specie commestibili e, come sottolinea Freethink, “sono a basso contenuto di grassi, ricchi di proteine ​​e minerali… e contengono molti degli stessi benefici per la salute degli altri pesci”.

Semplicemente non sono in pericolo e prosperano in acque più calde. Possono essere essiccati in uno spuntino simile a una patatina o serviti freddi e in salamoia.

La carne secca di meduse potrebbe non piacere al consumatore medio, ma il consumatore medio mangia già alcuni prodotti “non belli da vedere” a livello della superficie, che danneggiano anche l’ambiente. La prossima volta che qualcuno rifiuta il tuo hamburger di funghi o ti prende in giro per esserti unito all’ultimo carrozzone vegetariano, digli di cercare in Google la verità dietro gli hot dog. Non importa quanto pazzi possano sembrare i cibi del futuro, l’opzione più pazza di tutte sarebbe quella di mantenere la nostra dieta esattamente la stessa.