Progetto NASA per colpire un Asteroide nella Difesa Planetaria

Le agenzie spaziali di Stati Uniti (NASA) e Europa (ESA), nel corso dell’anno 2022, proveranno a deviare la traiettoria di un asteroide, come test per prevenire un possibile impatto asteroide sulla Terra.

Questo test, con il veicolo spaziale DART, è uno dei cinque passaggi previsti dalla NASA, il quinto in particolare, progettato per colpire l’asteroide prima che colpisca la Terra, utilizzando una tecnologia altamente specializzata.

L’asteroide scelto per questo test è una roccia di 160 metri di diametro che ruota attorno a un’altra roccia di 750 metri. Entrambe le rocce fanno parte di un unico sistema chiamato Didymos (“gemello”, in greco) che è considerato “vicino alla Terra” ed è una delle 20 mila comete e asteroidi che potrebbero avere un impatto sul pianeta.

Per distruggere l’asteroide, la nave “DART” (Double Asteroid Redirection Test) della NASA, del peso di circa 650 chili, sarà varata il 21 luglio 2021, con l’obiettivo di deviare il percorso della più piccola roccia di “Didymos”, che hanno chiamato Dimorphos (due forme in greco).

La navicella spaziale, invierà sempre fotografie durante il suo avvicinamento e al momento dell’impatto verrà registrata da un satellite che verrà messo in orbita giorni prima del suo varo.

Deviare o ridurre la velocità dell’asteroide nello spazio

La NASA insieme all’ESA sperano che Dimorphos, a seguito dell’impatto, abbia un nuovo cratere e possa deviare dal suo solito percorso.

“Ciò che vogliamo ottenere è cambiare la velocità dell’oggetto di forse un centimetro al secondo”, spiega l’astronomo Andy Rivkin, uno dei leader della missione DART.

Progetto NASA per colpire un Asteroide nella Difesa Planetaria

Sebbene riconosca che “non è molto”, questo sarebbe sufficiente affinché un asteroide che viene contro la Terra riesca a non avere un impatto sul pianeta.

L’impatto di un asteroide è l’unico disastro naturale che potremmo evitare se scoprissimo la minaccia abbastanza presto”, ha dichiarato Jan Wörner, direttore generale dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

Cosa succede se l’asteroide Dimorphos impatta sulla Terra

Nel caso in cui un oggetto delle dimensioni di “Dimorphos” si scontrasse con la Terra, causerebbe una catastrofe a livello regionale. Il 30 giugno 1908 un corpo celeste di diametro compreso tra 50 e 190 metri esplose sulla regione siberiana di Tunguska e devastò 2200 chilometri quadrati di foresta.