Oggi è la Giornata Internazionale dell'Asteroide.

Oggi 30 giugno è la Giornata Internazionale dell’Asteroide (Asteroid Day). Viene celebrata in commemorazione dell’asteroide caduto in Tunguska (Siberia) nel 1908. Questa, la più importante nella storia recente di impatto asteroide con la Terra, ha distrutto un’area di foresta delle dimensioni dell’Isola di Gran Canaria (Isole Canarie).

L’evento è stato fondato nel 2014 da Brian May, il chitarrista astrofisico dei The Queen, l’astronauta dell’Apollo 9 Rusty Schweickart, dal regista Grig Richters e Danica Remy, presidente della Fondazione B612, dedicato alla scienza planetaria.

Ogni anno, questa giornata si celebra in tutto il mondo con una moltitudine di eventi, dai colloqui di sensibilizzazione e di educazione scientifica dei programmi ai concerti.

Il suo obiettivo è che la società conosca questi corpi rocciosi: quale ruolo hanno nella formazione dell’universo, quali opportunità ci forniscono e su come proteggersi per evitare di impattare sulla Terra.

Anche se v’è il rischio che uno di loro cade sul nostro pianeta, molti centri astronomici sono dedicati a studiare e seguire le orbite di coloro che passano e vedere se c’è davvero la possibilità di collisione. In realtà, gli scienziati sono in grado di prevedere fino a parecchi secoli di anticipo.

Gli asteroidi sono più piccoli di un pianeta ma più grandi di un meteorite. Possono misurare da 50 a 1000 chilometri di diametro.

La maggior degli asteroidi conosciuti orbitano nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, ma possono anche orbitare su altri pianeti. Quelli che passano vicino alla Terra sono chiamati NEA (per il suo acronimo in inglese). Al momento se ne conoscono più di 10 mila.