OMS: in arrivo nuovo Virus "più contagioso e mortale di quello attuale"

È ormai noto che i piani dell’oligarchia per resettare l’economia mondiale, ridurre la popolazione mondiale e stabilire un sistema di controllo della popolazione a fronte del sesto paradigma tecnologico saranno possibili solo se il pianeta sarà scosso dal caos scatenato da una grande guerra e/o una pandemia o un’ondata di pandemie che catapultano un collasso sistemico globale.

Il sesto paradigma sono la robotica, l’intelligenza artificiale, il 5G, la nanotecnologia, il transumanesimo.

Mentre il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases degli Stati Uniti, il dottor Anthony Fauci, ha improvvisamente cambiato idea e ora dice che “non è convinto che il Covid-19 abbia un’origine naturale”, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che è finanziato in gran parte da società farmaceutiche e entità aziendali dell’oligarchia globale, ha appena confermato tramite il suo CEO, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che:

“Sulla base delle stime evolutive, emergerà un nuovo virus che potrebbe essere ancora più contagioso e più mortale del virus attuale“.

È per questo che le aziende farmaceutiche di tutto il mondo si stanno affrettando a prepararsi per una recrudescenza del mutante COVID-19, o forse un nuovo virus?

In un rapporto pubblicato lunedì, Bloomberg ha sottolineato gli sforzi di GlaxoSmithKline, che sta investendo nella sua attività di vaccini per stare al passo con la prossima pandemia, pur continuando a sviluppare la prossima generazione di vaccini COVID-19 (poiché la sua capacità di produzione internazionale potrebbe darti un vantaggio nel servire il mondo in via di sviluppo).

È l’ultima indicazione che il sostegno del presidente Biden alla proposta dell’OMC di revocare la protezione della proprietà intellettuale per i vaccini COVID è un puro e semplice servizio formale e che l’industria farmaceutica farà tutto il possibile per prevenirlo.

Inoltre, secondo il capo dei vaccini dell’azienda, Roger Connor, GSK è in trattative con il governo britannico per sviluppare più capacità di ricerca e sviluppo di vaccini, oltre alla produzione. Questi laboratori saranno dotati di “tecnologie vaccinali per affrontare i virus mortali del futuro“, ha detto in un’intervista. Oggi, i principali centri di ricerca e sviluppo sui vaccini di Glaxo sono in Belgio, Italia e Stati Uniti.

“Quando tutti i governi faranno la loro revisione post-pandemia, inizieranno a pensare alla produzione entro i propri confini, o almeno all’interno della propria regione”, ha detto Connor. Vogliamo “creare una capacità di produzione e sviluppo di vaccini all’interno del paese per il futuro”.

GSK e i suoi sostenitori di hedge fund, fondi speculativi, tra cui Elliott Management di Paul Singer, sono in procinto di scorporare la divisione salute dei consumatori dell’azienda il prossimo anno e lasciare i loro rami biofarmaceutici e vaccini, attività che Connor li descrive come i “gioielli

della corona” dell’azienda.

Indipendentemente dal fatto che la prossima pandemia sia l’influenza aviaria o l’Ebola, Connor dice che GSK sarà pronta: “Abbiamo una delle piattaforme tecnologiche più ampie di qualsiasi azienda di vaccini’, ha detto. Per prepararsi a una futura pandemia, “devi avere riempimento-finitura, devi avere volume, devi avere opzioni tecnologiche, devi avere un motore di I+D e sviluppo che si collega molto bene con il mondo accademico, con il evoluzione dei virus e GSK fornisce tutte queste cose”.

Naturalmente, lo scenario migliore per GSK sarebbe che i suoi attuali studi sui vaccini COVID portino alla sua approvazione entro la fine dell’anno, lasciandogli tutto il tempo per attingere all’enorme mercato internazionale per la prossima generazione di vaccini.

GSK e il suo partner Sanofi prevedono di avviare sperimentazioni avanzate con oltre 37.000 persone nelle prossime settimane, con più formulazioni del vaccino per proteggersi meglio da varianti come quelle rilevate per la prima volta in Sud Africa e India. Gli studi saranno condotti principalmente al di fuori degli Stati Uniti e si concentreranno sulle aree geografiche con i più alti tassi di infezione per dare “tutte le possibilità che la sperimentazione abbia successo”, ha detto Connor.

“Sì, ci sono altri che guadagnano di più da Covid a breve termine”, ha detto Connor. “Tuttavia, quando guardiamo al portafoglio globale, all’innovazione e alle attività correnti che abbiamo, pensiamo che sia più forte di chiunque altro e leggermente sottovalutato al momento”.

Anche prima del COVID, le entrate dell’azienda sui vaccini erano in aumento, essendo aumentate del 50% in un periodo di quattro anni. Il vaccino contro l’herpes zoster, Shingrix, è uno dei prodotti più importanti dell’azienda e Connor afferma che ci sono altri best-seller in preparazione, come i suoi vaccini contro il virus respiratorio sinciziale per gli anziani e le madri incinte, entrambi in cantiere.

Conclusione: chiunque desideri investire in un’azienda ben posizionata per combattere la prossima pandemia dovrebbe dare un’occhiata a GSK.