Neuroscienza: dimenticare non inverte il processo di apprendimento

Gli scienziati hanno recentemente scoperto che l’oblio non influisce sul processo di apprendimento. Anche se questi ricercatori sono ancora lontani dal capire come il cervello riesca a dimenticare di fornire risposte maggiori, si stanno avvicinando un po’.

Dimenticare non influisce sul processo di apprendimento

In questo nuovo studio, gli scienziati che hanno utilizzato i vermi C elegans. Questo è un organismo modello per la ricerca sul cervello. Attraverso la loro ricerca, i neuroscienziati hanno scoperto che l’oblio non inverte i cambiamenti nel cervello che risultano dall’apprendimento. Né cancellerebbe ciò che è stato appreso, come suggeriscono alcune teorie.

Invece, gli scienziati hanno scoperto che l’oblio genera un nuovo stato cerebrale. Come hanno potuto verificare, questo sarebbe diverso da quello che esisteva prima che si verificasse l’apprendimento. Si può quindi affermare che ciò che si è dimenticato non scompare del tutto e può essere riattivato con una sorta di salto iniziale.

Gli scienziati spiegano che dopo aver dimenticato, spesso possiamo ricordare ciò che abbiamo imparato prima. La sua ricerca getta nuova luce su come l’oblio avvenga nel cervello a livello di sistemi e di molecole. A questo proposito, i ricercatori hanno scoperto che sembrano essere in grado di accelerarlo o rallentarlo.

La base del lavoro potrebbe un giorno essere utilizzata per comprendere i problemi di salute mentale in cui dimenticare va storto. A volte questo fa sì che avvenga troppo lentamente o troppo rapidamente. Ad esempio, potrebbe essere utilizzato per ottenere indizi per affrontare disturbi come lo stress post-traumatico, in cui i ricordi avversivi persistono in modo aggressivo.

Grazie a questo studio, gli scienziati possono fare ipotesi sulle molecole coinvolte e sui processi coinvolti, nonché sull’attività dei neuroni che sono importanti per l’oblio. Con questi dati, saranno in grado di proporre modi per comprendere la patologia delle malattie neurologiche correlate.

L’oblio fa parte delle normali funzioni cerebrali a causa della capacità limitata del cervello. Finora sono state fatte poche ricerche sulla natura dell’oblio o su come accade nel cervello.

Alcuni studi suggeriscono che quando un ricordo viene dimenticato, viene semplicemente cancellato e l’apprendimento va perso. Altri suggeriscono che la memoria e l’apprendimento diventano più difficili da accedere durante il processo di dimenticanza, ma rimangono in qualche modo.

Uno studio sui vermi

Lo studio ha utilizzato vermi che i ricercatori hanno insegnato a identificare con l’olfatto ed evitare un ceppo di batteri infettivi che li ha fatti ammalare. Ma un’ora dopo, i vermi dimenticarono.

I ricercatori hanno deciso di analizzare l’attività cerebrale dei vermi e i geni espressi nel loro sistema nervoso. Tutti con l’intenzione di sapere cosa stava succedendo nei loro cervelli.

Inoltre, gli scienziati hanno confrontato i vermi che non hanno mai appreso il comportamento con quelli che avevano appena terminato l’addestramento. Grazie a questo confronto, i ricercatori hanno visto che l’attività neuronale e l’espressione genica dei vermi che avevano dimenticato il comportamento non tornavano allo stato ingenuo prima. Inoltre, non corrispondevano all’attività neurale dei vermi che erano stati appena addestrati.

Gli scienziati hanno anche testato se i vermi che avevano dimenticato l’addestramento potessero ricordarlo. Qui hanno scoperto che apparentemente potevano farlo. Di solito ci vogliono dalle tre alle quattro ore per addestrare i vermi. In questo esperimento, coloro che sono stati riqualificati hanno completato il processo in circa tre minuti.

La semplice conclusione a cui sono giunti gli scienziati è che ci sono ancora tracce di memoria nel cervello che possono essere risvegliate, che possono essere riattivate.

I ricercatori intendono utilizzare questo studio come punto di partenza per analizzare ulteriormente i meccanismi dell’oblio. Anche per sapere come può essere eventualmente applicato a problemi di salute mentale.


Fonti:

  • Forgetting generates a novel state that is reactivatable [Science.org]
  • Scientists show that forgetting does not reverse the learning process [Medicalxpress.com]