Perché c'è così tanto interesse per le cellule staminali che formano il sangue?

Storicamente, il sangue ha sempre provocato fascino per l’umanità. Per secoli è stato considerato l’essenza della vita, il veicolo dell’anima e la forza vitale. Anche nei secoli XV e XVI, l’idea che trasfondere sangue giovane e forte a un uomo anziano o a un malato potesse “rinvigorirlo” o curarlo ha guadagnato forza.

Anche se oggi quella chimera non si è avverata, ci sono cose meravigliose che sono per lo meno simili. Ci riferiamo alle capacità delle cellule staminali che formano il sangue, chiamate anche ematopoietiche (CMH), un gruppo di cellule che risiedono naturalmente nel midollo osseo ma anche nel cordone ombelicale del neonato.

Per decenni, il suo potenziale nel trattamento di malattie come la leucemia, gravi anemie, tra le altre malattie del sistema sanguigno, ha attirato l’attenzione degli scienziati.

Quali sono esattamente le cellule che formano il sangue? Come avvantaggiano i pazienti? Quali malattie possono essere trattate? E infine, come potresti dare un prezioso contributo alle persone che soffrono di malattie del sangue?

Diventare un donatore di cellule staminali significa potenzialmente salvare la vita di un’altra persona.

Cosa sono le cellule staminali?

Per capire cosa sono le cellule staminali che formano il sangue, è necessario iniziare definendo quali sono le cellule staminali, un termine più ampio che comprende il primo. Questo concetto, molto popolare nelle notizie o negli spot pubblicitari, si riferisce a ciò che la comunità scientifica considerala materia prima del corpo“: da loro vengono generate tutte le altre cellule con funzioni specializzate.

In condizioni appropriate nel corpo o in laboratorio, si dividono per formare più cellule, che sono chiamate “cellule figlie”. Queste figlie, a loro volta, possono diventare nuove cellule staminali o cellule specializzate, come sangue, cervello, muscolo cardiaco o cellule ossee. Nessun’altra cellula del corpo ha la naturale capacità di generare nuovi tipi di cellule.

Tra le cellule staminali abbiamo due tipi:

  • cellule staminali embrionali: si trovano solo negli embrioni umani di qualche giorno e possono formare qualsiasi altra cellula del corpo.
  • cellule staminali adulte: si trovano in piccole quantità nel midollo osseo o nel grasso; sebbene abbiano una capacità più limitata rispetto alle cellule embrionali di generare cellule corporee diverse.

Gli scienziati ora credono che le terapie con cellule staminali potrebbero aiutare a trattare varie malattie come il diabete di tipo 1, il morbo di Parkinson, l’ischemia cardiaca, il morbo di Alzheimer, le malattie cardiache, gli ictus, le ustioni e il cancro stesso.

Cosa sono le cellule che formano il sangue o le cellule staminali ematopoietiche.

Le cellule staminali che formano il sangue, chiamate anche cellule staminali ematopoietiche (CMH), sono di gran lunga le più conosciute tra le cellule staminali adulte. Sono caratterizzati dal dare origine ad altre cellule del sangue in un processo chiamato emopoiesi. Nel 1961, due scienziati canadesi di nome James Till ed Ernest McCulloch dimostrarono l’esistenza di cellule che formano il sangue (link al file pdf) nel midollo osseo dei topi mentre analizzavano gli effetti delle radiazioni su di esso.

Come abbiamo detto prima, le cellule che formano il sangue possono diventare più tipi di cellule, come globuli rossi (trasportano ossigeno al corpo), piastrine (rendono possibile la coagulazione) e globuli bianchi (aiutano a combattere parassiti, virus, tra gli altri agenti estranei al corpo).

Dove si trovano le cellule che formano il sangue.

Quando parliamo delle nostre ossa pensiamo a qualcosa di duro, ma il loro centro è un tessuto spugnoso e sanguinante. Di solito chiamiamo questo tessuto “midollo”. Tuttavia, questa parte è nota clinicamente come midollo osseo. Qui risiedono le cellule che formano il sangue, che poi si dividono e si trasformano in cellule rosse, bianche e piastrine.

Alcuni non specialisti confondono il midollo osseo con il midollo spinale, sebbene uno non abbia una relazione diretta con l’altro.

Il midollo spinale è il midollo nervoso che attraversa la colonna vertebrale e la funzione principale di ciò è quella di trasmettere impulsi elettrici tra il cervello e il corpo. D’altra parte, il midollo osseo è dove viene generato il nostro sangue. Per questo motivo, quando si parla di donazione di midollo osseo, si parla di donazione di cellule che formano il sangue.

Quali sono i benefici delle terapie CMH e quali malattie possono trattare?

Il sistema ematopoietico, generatore di nuove cellule del sangue, può soffrire di malattie che influenzano il processo di creazione di queste cellule.

Ciò può portare a queste cellule che non si formano o non funzionano bene, mettendo in pericolo la vita della persona con malattie come leucemia mieloide acuta (LMA), leucemia linfoide acuta (LLA), anemia aplasia grave, emoglobinopatie e altri disturbi .

Detto questo, i trapianti di cellule che formano il sangue, secondo l’American Cancer Society, possono aiutare a combattere queste malattie e far scomparire i segni di queste malattie. Di conseguenza, i pazienti aumentano le loro possibilità di sopravvivenza e cura.

Ciò accade perché le cellule donatrici raggiungono il midollo osseo del paziente, in modo che inizi a produrre nuove cellule come se fosse un nuovo sistema ematopoietico.

Fortunatamente, un altro grande vantaggio delle attuali terapie è che la donazione di cellule che formano il sangue è sempre più semplice. Grazie a una procedura chiamata aferesi, è possibile ottenere queste cellule del sangue che circolano attraverso il corpo (sangue periferico) e non direttamente dal midollo osseo. Nel giro di poche ore, grazie a questa procedura, il donatore può riprendere le sue attività quotidiane.

Come sapere se puoi donare cellule che formano il sangue

Ora che sai perché l’interesse per le cellule che formano il sangue e hai la nobile intenzione di far parte di questo registro dei donatori, dovresti prendere in considerazione i seguenti aspetti:

Una persona in buona salute può somministrare le cellule che formano il sangue a un paziente malato che ne ha bisogno a condizione che entrambi siano compatibili. Dobbiamo tener conto del fatto che il sistema immunitario del corpo distingue tra le sue stesse cellule o agenti estranei o dannosi attraverso gli anticorpi.

Si cerca principalmente la compatibilità genetica nelle persone vicine (parenti).

La probabilità di trovare un fratello compatibile è molto più elevata rispetto a trovare qualcuno così simile al di fuori della famiglia, poiché il primo eredita informazioni genetiche dai genitori stessi. Tuttavia, solo 3 persone su 10 hanno un fratello compatibile al 100%; le altre 7 persone rimanenti devono andare in un registro dei donatori anonimi per trovare la persona compatibile al di fuori della loro famiglia in modo che possano essere curate. Da qui l’importanza di avere un registro dei donatori.