Muore dopo COVID Party, credeva che la malattia fosse una Bufala.

Un uomo di 30 anni è morto dopo aver partecipato a una “Festa Covid-19” a San Antonio (Texas, USA), dove ha contratto la nuova malattia pensando che l’attuale pandemia coronavirus “fosse una bufala“. Alla clinica in cui è morto, hanno spiegato che l’evento è stato organizzato da qualcuno a cui era stato precedentemente diagnosticato il virus e che voleva verificare se fosse reale e se qualcuno fosse stato infettato.

Poco prima che il paziente morisse, ha guardati la sua infermiera e ha detto: “Penso di aver fatto un errore, ho pensato che fosse una bufala, ma non lo è“, spiegano dalla clinica. Non discrimina, e nessuno di noi è invincibile. Questo virus è molto serio e può diffondersi facilmente, assicurano dalla clinica.

All’inizio di luglio, è stato segnalato il pericolo dei “Covid Party“.

Diversi studenti infetti dalla nuova malattia hanno organizzato feste a Tuscaloosa, nello stato dell’Alabama, per vedere quale delle persone sane presenti sarebbe stata la prima a rimanere infettata. I partecipanti fanno scommesse in denaro in una pentola e il primo ad essere infettato guadagna il premio.

Gli alti funzionari sanitari statunitensi hanno attirato l’attenzione sul numero crescente di casi di coronavirus nelle persone di poco più di 30 anni, avvertendo che la cosiddetta generazione dei “millennials” potrebbe essere più esposta a questa malattia di quanto si pensasse inizialmente.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) avverte anche del pericolo che questo agente patogeno rappresenta per le giovani generazioni. Il direttore dell’agenzia, Tedros Adhanom, ha esortato a stare molto attenti all’idea che questo virus uccida solo le persone anziane. “È vero che i giovani hanno meno probabilità di sviluppare una malattia grave, ma ci sono anche un numero significativo di giovani che sono morti”, ha spiegato.