Renzi e il volo di stato per le vacanze di Courmayeur

ROMA – Matteo Renzi viene attaccato in queste ore dal gruppo M5S. Il premier viene infatti accusato di aver usato un volo di Stato per le sue vacanze a

“Vacanze renziane. Tratto da una storia vera scoperta dal mio collega Paolo Romano” ha scritto Carlo Sibilia, membro del ‘direttorio’ M5S, su Facebook: “Il nostro “Super Premier” ha utilizzato l’aereo che lo aveva portato in visita ufficiale a Tirana per andare a sciare ad Aosta, con un passaggio precedente da Firenze per prendere mogli e figli. Domanda (lecita): quanto è costato il volo in missione-vacanza?”.

Pronta la replica di Renzi: “Gli spostamenti aerei, dormire in caserma, avere la scorta, abitare a Chigi non sono scelte ma frutto di protocolli di sicurezza. #regole”. Con questo messaggio su twitter il premier Renzi risponde alle accuse del M5S su quello che sarebbe stato un uso improprio del volo di Stato che lo ha portato da Tirana a Firenze e poi, con la famiglia, ad Aosta.

La nota di Palazzo Chigi dice che il premier Renzi ha raggiunto Aosta, dove si trova in vacanza, “non con il volo di Stato con cui si è recato a Tirana, ma con un Falcon 900 nel pieno rispetto della normativa e dei protocolli di sicurezza. Ciò riguarda anche la famiglia del premier quando si muove con lui, sottoposta agli stessi obblighi di sicurezza e norma di legge”. Per quanto riguarda l’alloggio in caserma: “Renzi ha regolarmente pagato per sé e i suoi familiari secondo le tariffe previste”.

I commenti ai nostri lettori.