OLIMPIADI LONDRA 2012: SALTO CON L’ASTA DOODLE – Atletica leggera ancora protagonista con un’altro doodle di Google dopo quello dedicato al lancio del peso.

Nel doodle di sabato 4 agosto 2012, il nono doodle della serie olimpica iniziata con quello dedicato alla cerimonia di apertura, viene rappresentata un’atleta che si proietta alta nel cielo azzurro, talmente in alto da poter vedere la scritta di Google fuori dallo stadio olimpico.

In questo sport l’atleta dopo una breve rincorsa deve superare un’asticella posta ad una certa altezza con il solo utilizzo di un’asta che si impianta nella cassetta d’imbucata al momento del salto in alto.

Il salto con l’asta arriva direttamente dai giochi dell’antica Gallia dove l’asta, in quel caso un pezzo di ramo robusto, veniva utilizzata per saltare il più lontano possibile. Impugnatura, la rincorsa, la presentazione, l’elevazione, il valicamento, la ricaduta, sono solo alcuni elementi della tecnica usata nel salto con l’asta. Uno sport dove si concentrano rapidità nell’acquisire velocità prima del salto, forza nelle braccia per sostenersi e lanciarsi a superare l’asticella più in alto possibile come nel

doodle. L’atleta che meglio rappresenta lo sport del salto con l’asta, è l’ucraino Serhij Bubka, detentore dei primati mondiali outdoor (con 6,14 metri) e indoor (con 6,15 metri) della specialità.

Di seguito il video del record del mondo outdoor del salto con l’asta eseguito da Serhij Bubka realizzato a Sestriere in provincia di Torino, il 31 luglio 1994, record che resiste da 18 anni. Serhij Bubka è stato anche il primo atleta a volare sopra i 6 metri nel 1985 e da allora ha migliorato il record del mondo per ben 12 volte di cui tre in Italia, a Formia nel 1991 con 6,10 a Padova nel 1992 con 6,12 e l’ultimo il 31 luglio 1994 a Sestriere con l’ancora imbatutto 6,14 metri.