La società statunitense Microstrategy ha investito più di 5 miliardi di dollari in Bitcoin, decisione innescata dal flusso di denaro dopo l’inizio della pandemia, quando l’azienda ha tagliato la spesa pubblicitaria e tagliato 400 posti di lavoro non idonei al lavoro da casa. Di conseguenza, ha accumulato $ 550 milioni senza sapere dove investirli. Il fondatore di Microstrategy, Michael Saylor, ha spiegato così la sua logica:

L’unico modo per ottenere sicurezza economica è investire in asset scarsi che non saranno degradati dall’espansione della valuta. Questo è l’ambiente che ci ha portato a decidere che avremmo dovuto considerare Bitcoin come un asset di riserva”.

L’operazione è andata a buon fine.

Da metà luglio, la quotazione della società è aumentata di quasi il 600%. A sua volta, la ricchezza personale di Saylor ha raggiunto i 3 miliardi di dollari. Così, è diventato uno dei detentori di criptovaluta più ricchi al mondo: lo evidenzia Bloomberg, riconoscendo che la sua ricchezza finale è sconosciuta.

Domenica scorsa, Bitcoin ha battuto un nuovo record, raggiungendo un massimo di $ 61683. Con questo ultimo aumento, la criptovaluta è cresciuta del 111% dal minimo dell’anno ($ 29214), registrato il 1° gennaio.