Ghiaccio in Antartide si piega sott'acqua per l'estate calda.

Un team di ricercatori dell’Università di Cambridge (Regno Unito) ha scoperto che l’acqua fusa – che si accumula sulla superficie delle banchise in Antartide durante i caldi mesi estivi – può influenzare i ghiacciai, facendoli “piegare”. Sono le conclusioni alle quali è arrivato un recente studio pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Come parte della loro ricerca, i ricercatori hanno studiato la piattaforma di ghiaccio McMurdo, che forma parte della barriera di ghiaccio Ross, e hanno misurato come si piega sotto la pressione dei “laghi” che appaiono sulla sua superficie.

Collocando diversi sensori di pressione, che registravano l’ascesa e la caduta del livello dell’acqua e ricevitori GPS che monitoravano i movimenti verticali della barriera di ghiaccio, gli scienziati hanno scoperto che diversi sensori GPS si alzavano e si abbassavano di un metro per diverse settimane.

Mentre altri – che erano a poche centinaia di metri da loro – quasi non si muovevano. L’indagine ha mostrato che i dispositivi che hanno cambiato la loro posizione erano situati sulle piattaforme, sulla cui superficie l’acqua fusa era localizzata e asciugata.

Questo è un movimento differenziale verticale che mostra che la barriera di ghiaccio si sta piegando”, ha detto Doug MacAyeal, dell’Università di Chicago (USA). Gli esperti hanno ipotizzato che l’acqua sciolta potesse produrre effetti di questo tipo, ma il fenomeno è stato misurato per la prima volta durante questo studio.

In precedenza, MacAyeal aveva già espresso la sua opinione che il processo descritto nella ricerca, potrebbe essere la causa della distruzione del grande lastrone di Larsen B, di 3250 chilometri quadrati, è sparito in appena un mese nel 2002.

Si specifica che mentre il clima è più caldo a causa del riscaldamento globale, il ghiaccio nella regione probabilmente si piegherà e si fratturerà sempre più frequentemente nel prossimo secolo.