Djokovic vuole citare in giudizio il Governo australiano per 4,3 milioni di dollari

Il tennista serbo Novak Djokovic ha in programma di intentare una causa da 4,3 milioni di dollari contro il governo australiano per la cancellazione del suo visto e per i “maltrattamenti” che ha ricevuto durante la sua permanenza nell’hotel di detenzione per immigrati nella città di Melbourne. Secondo The Sun l’atleta sostiene che, pur avendo un’esenzione dal visto, è stato deportato prima dell’inizio degli Australian Open 2022, dove aspirava a difendere il suo titolo di campione e diventare il primo tennista della storia ad aggiungere 21 Grandi Slam.

Djokovic è stato condannato a pagare le spese legali della sua controversia con il governo australiano dopo la situazione creata dalla sua opposizione alla vaccinazione contro il covid-19, e rischia un possibile divieto

di ingresso di tre anni nel Paese oceanico. La cifra richiesta di 4,3 milioni equivale al premio che l’atleta si aspettava di vincere durante il torneo.

Il 14 gennaio, il visto di Djokovic è stato cancellato per la seconda volta da quando era arrivato in Australia la settimana precedente. Nella prima occasione, le autorità hanno affermato che il tennista “non aveva presentato le prove adeguate per soddisfare i requisiti di ingresso” nel Paese e lo hanno rinchiuso in un hotel di detenzione per immigrati.

Djokovic ha lasciato l’Australia domenica scorsa dopo che la Corte Federale del Paese ha emesso la sentenza definitiva, che ha nuovamente annullato il visto dell’atleta. Attualmente si trova nella capitale serba, Belgrado, dove è stato accolto da una folla di sostenitori.