L’Italia e’ in crisi. Una nazione e’ in crisi quando il 46% dei suoi giovani sono senza un lavoro. Se non lavori non guadagni soldi e l’economia resta ferma. Possono dire quello che vogliono a questo e’ un dato che reale che non viene usato da nessun politico per fare propaganda. E non possiamo essere molto contenti anche se e’ un record: la disoccupazione giovanile in Italia si e’ portata al 46%. Secondo quanto diffuso dall’Istat (dati provvisori e destagionalizzati), il tasso di disoccupazione ad aprile era al 12,6%, stabile su marzo, ma in aumento di 0,6 punti su base annua.

Nel 1° trimestre 2014 il valore raggiunge il 13,6%,in aumento di 0,8 punti sullo stesso periodo dell’anno. Si tratta appunto di un massimo storico dal 1977. Un record negativo per il paese anche per il tasso di disoccupazione per i giovani che hanno una eta’ tra i 15 e i 24 anni. Per loto il valore sale nel 1° trimestre 2014 al 46%, il valore piu’ alto registrato dal 1977: picco nel sud che nel primo trimestre ha fatto registrare al 21,7% quelli senza lavoro in generale e il 60,9% per i giovani.