Decreto obbligo vaccini: dura risposta del Movimento Genitori

Mentre Mattarella firmava il decreto vaccini con il quale viene reintrodotto l’obbligo delle vaccinazioni per la frequenza della scuola, il Movimento Italiano Genitori Onlus (MOIGE) diffondeva questo duro comunicato stampa.

Roma 07 giugno 2017

Il decreto incostituzionale sui vaccini del ministro Lorenzin. Irricevibile ed incostituzionale: Usa la minaccia e la violenza con lo strappare i figli alle madri

Appello al parlamento per bocciare il decreto ”strappafigli” del ministro della Salute Lorenzin, che crede con questa modalità “fascista” di risolvere il fallimento delle sue politiche vaccinali degli ultimi anni.

Nell’Italia presente nella top ten mondiale degli stati migliori per la salute dell’infanzia, con il più basso tasso di mortalità infantile, il Ministero ha lanciato allarmi ingiustificati, per giustificare scelte illiberali e coercitive, con decreto di urgenza.

Il problema della copertura, non si risolve strappando i figli alle mamme, oppure multando con 7500 euro per figlio (piu del doppio della multa di chi vende tabacco o alcol ai minorenni) per procedere poi alla vaccinazione coatta.

Prima conseguenza di questo assurdo provvedimento sarà la caccia all’untore specie verso i minori immigrati che non hanno memoria documentale vaccinale, sia verso i minori non vaccinabili per vari motivi, aumentando il rischio della

discriminazione tra pari e della dispersione scolastica.

In pochi giorni abbiamo raccolto oltre 22mila firme contro il decreto ”strappafigli”. La petizione continua, e non solo sul web, ma con la mobilitazione , come già avvenuto con migliaia di genitori nelle piazze italiane, per proteggere i nostri figli dallo stato “sanitario” che vuole strappare i figli alle mamme. – ha dichiarato Antonio Affinita – direttore generale Moige movimento genitori.


Per approfondire leggi anche:

Obbligo vaccini a scuola: Mattarella firma il decreto sulle vaccinazioni

Vaccini, sentenza riconosce danni: risarcimento a donna con encefalopatia

Vaccinazioni: il pasticcio dell’obbligo vaccini continua

Vaccini: No al sistema dei Presidi Sceriffi, trasformati dal decreto legge in “delatori vaccinali”