DARPA, IARPA e ora HARPA completeranno la "dittatura digitale"

Una “nuova” proposta dell’amministrazione Biden per creare un’agenzia federale focalizzata sulla salute, modellata sul DARPA, non è quello che sembra. Promosso come un modo per “porre fine al cancro”, questo “DARPA della salute” risorto nasconde un programma pericoloso. Questa è una traduzione. La versione originale di questo articolo in inglese e con collegamenti può essere vista su Unlimited Hangout.


Mercoledì scorso, il presidente Biden è stato ampiamente elogiato dai media tradizionali e focalizzati sulla salute per il suo invito a creare una “nuova agenzia di ricerca biomedica” ispirata dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) dell’esercito degli Stati Uniti, di “alto rischio e alto rendimento”. Secondo il presidente, l’agenzia cercherebbe di sviluppare trattamenti “innovativi” e “rivoluzionari” per il cancro, il morbo di Alzheimer e il diabete, con l’obiettivo di “porre fine al cancro come lo conosciamo”.

Lungi dal “porre fine al cancro” nel modo in cui la maggior parte degli americani potrebbe immaginare, l’agenzia proposta fonderebbe la “sicurezza nazionale” con la “sicurezza sanitaria” in modo tale che le “bandiere rosse” della salute fisica e mentale per prevenire focolai di malattie o violenza prima che si verifichino. Un tale sistema è una ricetta per un’organizzazione tecnocratica “pre-criminale” con il potenziale per criminalizzare sia la malattia mentale che fisica e il “pensiero sbagliato“.

DARPA della salute

L’amministrazione Biden ha chiesto al Congresso 6,5 miliardi di dollari per finanziare l’agenzia, che sarebbe guidata in gran parte dal massimo consigliere scientifico di Biden, Eric Lander, recentemente confermato. Lander, un ex direttore del Broad Institute dominato dalla Silicon Valley, è stato controverso per i suoi legami con l’eugenetista e trafficante di sesso infantile Jeffrey Epstein e per le sue lodi relativamente recenti a James Watson, un eugenetista apertamente razzista. Nonostante ciò, Lander sta per essere confermato da Senato e Congresso e, a quanto pare, è molto entusiasta della proposta di nuova “DARPA della salute”.

Questa nuova agenzia, che si chiamerà ARPA-H o HARPA, sarebbe situata all’interno del National Institutes of Health (NIH) e aumenterebbe il budget NIH a oltre $ 51 miliardi. A differenza di altre agenzie NIH, ARPA-H differirebbe in quanto i progetti finanziati non sarebbero sottoposti a revisione paritaria prima dell’approvazione; invece, direttori di programma selezionati con cura prenderebbero tutte le decisioni di finanziamento. Il finanziamento assumerebbe anche la forma di pagamenti intermedi piuttosto che le tradizionali sovvenzioni pluriennali.

È probabile che ARPA-H finanzi e promuova pesantemente i vaccini a mRNA come una delle “scoperte” che cureranno il cancro. Alcuni dei produttori di vaccini a mRNA che hanno prodotto alcuni dei vaccini COVID-19 più utilizzati, come il vaccino Pfizer / BioNTech, hanno dichiarato il mese scorso che “il cancro è il prossimo problema da affrontare con la tecnologia mRNA” dopo il Covid. BioNTech sviluppa da anni terapie geniche a mRNA per il cancro e collabora con la Bill and Melinda Gates Foundation per creare trattamenti basati su mRNA per la tubercolosi e l’HIV.

Altre tecnologie “rivoluzionarie” su cui questa agenzia si concentrerà sono meno note al pubblico e forse più preoccupanti.

La lunga strada per ARPA-H

ARPA-H non è un’idea nuova ed esclusiva dell’amministrazione Biden; c’è stato un precedente tentativo di creare una “DARPA sanitaria” durante l’amministrazione Trump alla fine del 2019. Biden ha iniziato a promuovere l’idea durante la sua campagna presidenziale già nel giugno 2019, anche se usando una giustificazione molto diversa per l’agenzia rispetto a quella che i suoi sostenitori avevano lanciato a Trump. Nel 2019, la stessa fondazione e le stesse persone che attualmente supportano l’ARPA-H di Biden avevano esortato l’allora presidente Trump a creare “HARPA“, non con l’obiettivo primario di ricercare il cancro e le cure per l’Alzheimer, ma per fermare le sparatorie di massa prima che accadessero rintracciando gli americani per segnali di allarme “neuropsichiatrici”.

Negli ultimi anni, un uomo è stato la forza trainante dell’HARPA: l’ex vicepresidente di General Electric e l’ex presidente di NBCUniversal, Robert Wright. Attraverso la Suzanne Wright Foundation (dal nome della sua defunta moglie), Wright ha spinto per anni affinché fosse creata un’agenzia che “sviluppasse capacità biomediche – strumenti di screening, trattamenti, dispositivi medici, cure, ecc. – per milioni di americani che non ne beneficiano. dal sistema attuale”.

Sebbene lui, come Biden, abbia nascosto il vero scopo dell’agenzia affermando che si concentrerà principalmente sul trattamento del cancro, la proposta di Wright del 2019 al suo amico personale Donald Trump ha rivelato le sue ambizioni di fondo.

Come Wright ha proposto per la prima volta nel 2019, il programma di punta di HARPA sarebbe SAFE HOME, abbreviazione di Stop Aberrant Fatal Events by Helping Mental Extremes. SAFE HOME risuccherebbe masse di dati privati ​​da “Apple Watch, Fitbits, Amazon Echo e Google Home” e altri dispositivi elettronici di consumo, nonché informazioni da operatori sanitari per determinare se una persona potrebbe essere incline a commettere un crimine. I dati sarebbero analizzati da algoritmi di intelligenza artificiale (AI) “per la diagnosi precoce della violenza neuropsichiatrica“.

L’approccio pre-crimine del Dipartimento di Giustizia, noto come DEEP, è stato attivato pochi mesi prima che Trump lasciasse l’incarico; era anche giustificato come un modo per “fermare le sparatorie di massa prima che accadano”.

Poco dopo l’inaugurazione di Biden, la nuova amministrazione ha iniziato a utilizzare le informazioni dai social media per effettuare arresti pre-criminalità come parte del suo approccio alla lotta al “terrore domestico“.

Data la storia delle società della Silicon Valley che collaborano con il governo su questioni di sorveglianza senza mandato, sembra che alcuni aspetti di SAFE HOME possano essere già attivi segretamente sotto il mandato di Biden, solo in attesa della formalizzazione di ARPA-H / HARPA è legittimato come politica pubblica.

Le applicazioni per la sicurezza nazionale HARPA di Robert Wright sono illustrate anche dall’uomo che era il suo principale consigliere scientifico: l’ex capo dell’Ufficio delle tecnologie biologiche della DARPA, Geoffrey Ling. Non solo Ling è il principale consulente scientifico dell’HARPA, ma la proposta originale di Wright prevedeva che Ling progettasse personalmente l’HARPA e lo guidasse una volta stabilito. Il lavoro di Ling alla DARPA può essere riassunto nella missione dichiarata di BTO, che è lavorare per unire “biologia, ingegneria e informatica per sfruttare la potenza dei sistemi naturali per la sicurezza nazionale“. Le tecnologie favorite da BTO sono anche pronte a essere i pilastri di HARPA, che prevede specificamente di utilizzare “i progressi della biotecnologia, del supercalcolo, dei big data e dell’intelligenza artificiale” per raggiungere i suoi obiettivi.

Il progetto TIA Biovigilance

Il collegamento diretto della DARPA all’HARPA sottolinea che l’agenda alla base di questa prossima agenzia risale al fallito progetto Biovigilance del programma Total Information Awareness della DARPA, che è stato lanciato dopo gli eventi dell’11 settembre 2001. Il progetto Biovigilance della TIA mirava a sviluppare “tecnologie informatiche necessarie e il prototipo risultante in grado di rilevare automaticamente il rilascio nascosto di un agente patogeno biologico e molto prima degli approcci tradizionali”, ottenendo questo “monitorando fonti non di dati tradizionali”, inclusi “dati medici pre-diagnosi” e “indicatori comportamentali”.

Sebbene nominalmente incentrato sugli “attacchi bioterroristici”, il progetto TIA Biovigilance mirava anche ad acquisire capacità per la diagnosi precoce di focolai di malattie “normali”. La biosorveglianza e altri progetti DARPA correlati, come LifeLog, miravano a raccogliere dati attraverso l’uso massiccio di un qualche tipo di tecnologia indossabile. Questi programmi DARPA sono stati infine chiusi a causa di polemiche sulle affermazioni secondo cui sarebbero stati utilizzati per profilare i dissidenti nazionali e rimuovere la privacy di tutti gli americani negli Stati Uniti.

Il fatto che la passata rete di sorveglianza completa della DARPA sia riportata in vita da un’agenzia apparentemente separata focalizzata sulla salute, e che emuli il suo modello organizzativo non meno, conferma che molti programmi relativi alla TIA hanno semplicemente preso le distanze dal Dipartimento della Difesa quando vennero chiuse ufficialmente.

Separando i militari dall’immagine pubblica di tali tecnologie e programmi, li ha resi più appetibili per le masse, anche se i militari sono rimasti fortemente coinvolti dietro le quinte. Come riportato di recente da Unlimited Hangout, aspetti importanti del TIA sono stati semplicemente privatizzati, dando origine a società come Facebook e Palantir, con il risultato che tali progetti DARPA sono stati ampiamente utilizzati e accettati. Ora, sotto le spoglie del proposto ARPA-H, il TIA originale di DARPA sarebbe essenzialmente tornato in auge a tutti gli effetti come il proprio spin-off.

Silicon Valley, i militari e la “rivoluzione” indossabile

Questo sforzo più recente per creare ARPA-H / HARPA si fonde bene con la spinta coordinata delle aziende della Silicon Valley nel campo sanitario, in particolare le aziende della Silicon Valley che si raddoppiano come appaltatori per l’intelligence statunitense (per esempio Microsoft, Google e Amazon). Durante la crisi COVID-19, questa tendenza verso il dominio della Silicon Valley nel settore sanitario ha subito un’accelerazione considerevole a causa di una spinta al ribasso verso la digitalizzazione con telemedicina, monitoraggio remoto e simili.

Un esempio interessante è quello di Amazon, che lo scorso anno ha lanciato un wearable che mira non solo a utilizzare la biometria per monitorare la salute fisica e la forma fisica delle persone, ma anche il loro stato emotivo. L’anno scorso Amazon ha acquisito la farmacia online PillPack e non è difficile immaginare uno scenario in cui i dati della fascia di benessere Halo di Amazon vengono utilizzati per fornire consigli sul trattamento che vengono poi forniti da PillPack di proprietà di Amazon.

Aziende come Amazon, Palantir e Google saranno intimamente coinvolte nelle attività di ARPA-H

In particolare, Google, che ha lanciato numerose iniziative tecnologiche sanitarie nel 2020, è destinata a svolgere un ruolo importante in questa nuova agenzia grazie ai suoi legami di lunga data con l’amministrazione Obama quando Biden era vicepresidente e con il capo consigliere scientifico del presidente Biden, Eric Lander.

Come accennato, Lander è pronto a svolgere un ruolo importante in ARPA-H / HARPA se si materializzerà. Prima di diventare il principale scienziato della nazione, Lander è stato presidente e direttore fondatore del Broad Institute. Sebbene pubblicizzato come una partnership tra il MIT e Harvard, il Broad Institute è fortemente influenzato dalla Silicon Valley, con due ex dirigenti di Google nel consiglio di amministrazione, un partner della società di venture capital Greylock Partners della Silicon Valley e l’antico CEO di IBM, così come alcune delle sue principali dotazioni da importanti dirigenti tecnologici.

L’ex CEO di Google Eric Schmidt, che è stato intimamente coinvolto nella campagna per la rielezione di Obama nel 2012 ed è vicino al Partito Democratico in generale, ha presieduto il Broad Institute da questo aprile. A marzo, Schmidt ha donato 150 milioni di dollari all’istituto per “collegare la biologia e l’apprendimento automatico per comprendere i programmi della vita”. Mentre era nel consiglio di amministrazione del Broad Institute, Schmidt ha anche presieduto la Commissione per la sicurezza nazionale sull’intelligenza artificiale, un gruppo composto principalmente da agenti militari, dell’intelligence e della Silicon Valley che ora hanno tracciato la direzione della politica del governo degli Stati Uniti sulle tecnologie emergenti e la AI. L’amministrazione Biden ha anche proposto Schmidt come possibile capo di una task force dell’industria tecnologica.

All’inizio di gennaio, il Broad Institute ha annunciato che la sua piattaforma di ricerca sanitaria, Terra, realizzata con l’affiliata di Google Verily, avrebbe collaborato con Microsoft. In questo modo, Terra ora consente a Google e Microsoft di accedere a un vasto corpo di dati genomici che vengono riversati sulla piattaforma da accademici e istituti di ricerca di tutto il mondo.

Inoltre, lo scorso settembre, Google ha collaborato con il Dipartimento della Difesa su un nuovo programma di “salute predittiva” basato sull’intelligenza artificiale che ha anche legami con la comunità dell’intelligence americana. Sebbene inizialmente focalizzata sulla previsione dei casi di cancro, questa iniziativa prevede chiaramente di espandersi alla previsione dell’insorgenza di altre malattie prima che compaiano i sintomi, incluso COVID-19. Come ha sottolineato all’epoca Unlimited Hangout, uno dei motivi nascosti del programma, dal punto di vista di Google, era quello di ottenere l’accesso al “più grande archivio di dati medici su malattie e cancro nel mondo”, che è nelle mani del Agenzia per la difesa sanitaria. Avere accesso esclusivo a questi dati è un enorme vantaggio per Google nel suo sforzo di sviluppare ed espandere la sua crescente suite di prodotti sanitari basati sull’intelligenza artificiale.

Attualmente, viene utilizzato per pilotare dispositivi indossabili biometrici correlati a COVID-19 per “tornare a lavorare in sicurezza”. Lo scorso dicembre è stato annunciato che la Hill Air Force Base, Utah, avrebbe reso i dispositivi biometrici indossabili una parte obbligatoria dell’uniforme per alcuni squadroni. Ad esempio, gli aviatori del 649° squadrone di munizioni dell’aeronautica militare devono ora indossare uno smartwatch prodotto da Garmin e un anello intelligente realizzato da Oura come parte della loro uniforme.

Secondo l’Air Force, questi dispositivi rilevano indicatori biometrici che vengono poi analizzati per 165 diversi biomarcatori dall’algoritmo AI della Defense Threat Reduction Agency / Philips Healthcare che “cerca di riconoscere un’infezione o un virus circa 48 ore prima del comparsa dei sintomi”. Lo sviluppo di tale algoritmo è iniziato molto prima della crisi COVID-19 ed è una recente iterazione di una serie di progetti di ricerca militare che sembrano essere iniziati nell’ambito del progetto DARPA Predicting Health and Disease (PHD) del 2007.

Sebbene interessino i militari, questi dispositivi indossabili sono principalmente destinati all’uso di massa, un grande passo verso l’infrastruttura necessaria per la resurrezione di un programma di biosorveglianza gestito dallo Stato di sicurezza nazionale. Iniziare con i militari ha senso dal punto di vista dell’apparato di sicurezza nazionale, poiché la capacità di controllare i dati biometrici, inclusi i dati emotivi, ha un ovvio appello a coloro che gestiscono programmi “interni” recentemente ampliati in campo militare.

Un indicatore dello slancio per l’uso di massa è che lo stesso anello intelligente Oura che l’Air Force sta utilizzando è stato recentemente utilizzato anche dall’NBA per prevenire focolai di COVID-19 tra i giocatori di basket. Prima di COVID-19, i membri della famiglia reale britannica e il CEO di Twitter Jack Dorsey ne promuovevano l’uso da parte dei consumatori per migliorare il sonno. Lunedì scorso, il direttore generale di Oura, Harpeet Rai, ha affermato che l’intero futuro della tecnologia sanitaria da indossare sarà presto “proattivo e non reattivo”, poiché si concentrerà sulla previsione delle malattie a partire dai dati biometrici ottenuti dei wearable in tempo reale.

Un altro indossabile militare che sta entrando nell’uso di massa è il BioButton e il suo predecessore, il BioSticker. Prodotto dalla società BioIntelliSense, il nuovo ed elegante BioButton si presenta come un sistema indossabile che è “una soluzione scalabile ed economica per il monitoraggio dei sintomi del COVID-19 a scuola, a casa e al lavoro”. BioIntelliSense ha ricevuto 2,8 milioni di dollari dal Pentagono lo scorso dicembre per sviluppare dispositivi indossabili BioButton e BioSticker per COVID-19.

Il CEO di BioIntelliSense, James Mault, posa con il BioSticker indossabile dell’azienda. Fonte: https://biointellisense.com

BioIntelliSense, co-fondato e guidato dall’ex sviluppatore di Microsoft HealthVault James Mault, ha già lanciato i suoi sensori indossabili per un uso diffuso in alcuni campus universitari e alcuni ospedali statunitensi. In alcuni di questi casi, i dispositivi indossabili dell’azienda vengono utilizzati per monitorare in modo specifico gli effetti collaterali del vaccino COVID-19, piuttosto che i sintomi del COVID-19 stesso.

BioIntelliSense sta attualmente conducendo uno studio, in collaborazione con Philips Healthcare e l’Università del Colorado, sull’utilizzo dei suoi dispositivi indossabili per la diagnosi precoce di COVID-19, finanziato interamente dalle forze armate statunitensi.

Sebbene l’uso di questi dispositivi sia attualmente “incoraggiato ma facoltativo” in questi luoghi pilota, potrebbe arrivare un momento in cui sono obbligatori sul posto di lavoro o da un governo? Non sarebbe inaudito, dal momento che diversi paesi hanno chiesto che gli stranieri che arrivano nel paese siano controllati attraverso l’uso di un indossabile durante un periodo di quarantena obbligatorio.

Santa Lucia attualmente utilizza il BioButton per questo scopo. Singapore, che afferma di essere una delle prime “nazioni intelligenti” al mondo, ha fornito a ciascuno dei suoi residenti un dispositivo indossabile chiamato “gettone TraceTogether” per il suo programma di tracciamento dei contatti. L’app per smartphone o il token TraceTogether è necessaria in tutti i luoghi di lavoro, centri commerciali, hotel, scuole, centri sanitari, negozi di alimentari e parrucchieri. Chi non ha accesso a uno smartphone dovrà utilizzare il dispositivo portatile “gratuito” emesso dal governo.

L’era delle dittature digitali sta per arrivare

Rendere i dispositivi indossabili obbligatori la nuova norma, non solo per la prevenzione del COVID-19, ma per il monitoraggio della salute generale, istituzionalizzerebbe la messa in quarantena di persone che non hanno sintomi di una malattia, ma solo la determinazione di un algoritmo opaco che i segni vitali indicano attività “anormale“.

Dato che nessuna IA è accurata al 100% e che l’IA è valida solo quanto i dati su cui è addestrata, un tale sistema sarebbe garantito per commettere errori regolari: la domanda è quanti. Diagnostic Robotics commercializza un algoritmo di intelligenza artificiale che viene utilizzato per “prevedere le epidemie di COVID-19” in Israele e in alcuni stati degli Stati Uniti; il tasso di accuratezza (probabilmente gonfiato) che l’azienda fornisce per il suo prodotto è solo del 73%. Ciò significa, per l’azienda stessa, che la sua intelligenza artificiale è sbagliata il 27% delle volte. Probabilmente è ancora meno accurato, poiché la cifra del 73% non è mai stata verificata in modo indipendente.

L’adozione di queste tecnologie ha beneficiato della crisi del COVID-19, poiché i suoi sostenitori stanno cogliendo l’opportunità per accelerare la loro introduzione. Di conseguenza, il suo utilizzo diventerà presto onnipresente se questo programma di avanzamento continua senza ostacoli.

Sebbene questa spinta per i dispositivi indossabili sia ovvia ora, i segni di questa agenda erano visibili diversi anni fa. Nel 2018, ad esempio, l’assicuratore John Hancock ha annunciato che avrebbe sostituito la sua offerta di assicurazioni sulla vita con “polizze interattive” che coinvolgono individui che hanno la loro salute monitorata da dispositivi indossabili sanitari commerciali. Prima di tale annuncio, John Hancock e altri assicuratori come Aetna, Cigna e UnitedHealthcare hanno offerto vari premi agli assicurati che indossavano un indossabile fitness e hanno condiviso i dati con il loro assicuratore.

In un altro esempio pre-COVID, il Journal of the American Medical Association ha pubblicato un articolo nell’agosto 2019 in cui si afferma che i dispositivi indossabili “promuovono comportamenti sani e consentono alle persone di partecipare alla loro salute”. Gli autori dell’articolo affiliati ad Harvard hanno inoltre affermato che “incentivare l’uso di questi dispositivi [indossabili] integrandoli nelle polizze assicurative” può essere un approccio politico “attraente”. Da allora, il settore assicurativo ha promosso vigorosamente l’uso di dispositivi indossabili per gli assicurati, sia prima che dopo COVID-19, con alcune ipotesi che gli assicuratori sanitari potrebbero presto imporne l’uso in determinati casi o come polizza aggiuntiva.

Monitorare pensieri e sentimenti

Tuttavia, questi dispositivi biometrici per il fitness, come Halo di Amazon, possono controllare più dei semplici segni vitali fisici, poiché possono anche controllare lo stato emotivo. L’iconico programma SAFE HOME di ARPA-H / HARPA rivela che la capacità di monitorare pensieri e sentimenti è un obiettivo esistente di coloro che cercano di stabilire questa nuova agenzia.

L’avvertimento di Yuval Noah Harari

Secondo il luminare del World Economic Forum e storico Yuval Noah Harari, il passaggio alle “dittature digitali” avrà un momento “decisivo” una volta che i governi “cominceranno a monitorare e osservare cosa succede nel tuo corpo e nel tuo cervello”. Afferma che l’adozione massiccia di questa tecnologia trasformerebbe gli esseri umani in “animali hackerabili“, mentre coloro che si astenessero dall’avere questa tecnologia sul o nel loro corpo diventerebbero parte di una nuova classe “inutile”. Harari ha anche affermato che un giorno i dispositivi indossabili biometrici saranno utilizzati dai governi per prendere di mira individui che hanno reazioni emotive “sbagliate” ai leader del governo.

Non sorprende che uno dei più grandi fan di Harari, Mark Zuckerberg di Facebook, abbia recentemente portato la sua azienda a sviluppare un completo indossabile “neurale” e biometrico basato sulla tecnologia da una start-up “interfaccia neurale” come Facebook. Acquisita nel 2019. Secondo Facebook, il dispositivo indossabile “si integrerà con AR [realtà aumentata], VR [realtà virtuale] e segnali neurali umani” e dovrebbe essere disponibile in commercio a breve. Facebook possiede anche la società di camper Oculus Rift, il cui fondatore, Palmer Luckey, ora gestisce Anduril, appaltatore di intelligenza artificiale militare statunitense.

Come riportato di recente, Facebook è stato inizialmente configurato come proxy del settore privato per il controverso programma LifeLog della DARPA, che cercava sia di “umanizzare” l’intelligenza artificiale e di profilare dissidenti nazionali e sospetti di terrorismo. LifeLog è stato anche promosso dalla DARPA come “supporto alla ricerca medica e alla diagnosi precoce di una pandemia emergente”.

Sembra che le tendenze e gli eventi attuali dimostrino che lo sforzo decennale della DARPA di unire “sicurezza sanitaria” e “sicurezza nazionale” è progredito più che mai. Ciò può essere in parte dovuto al fatto che Bill Gates, che ha avuto una grande influenza sulla politica sanitaria a livello globale nell’ultimo anno, è un sostenitore di lunga data della fusione della sicurezza sanitaria e della sicurezza nazionale per contrastare sia le pandemie che le pandemie come “bioterroristi” prima che possano colpire, come si può sentire nel suo discorso del 2017 pronunciato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di quell’anno. Nello stesso anno, Gates ha anche pubblicamente esortato le forze armate statunitensi a “concentrare maggiormente l’addestramento sulla preparazione a combattere una pandemia globale o un attacco bioterroristico”.

Nella fusione di “sicurezza nazionale” e “sicurezza sanitaria”, qualsiasi decisione o mandato promulgato come misura di salute pubblica potrebbe essere giustificata come necessaria per la “sicurezza nazionale”, allo stesso modo degli abusi di massa e dei crimini di guerra avvenuti durante la “guerra al terrore” posteriore al 11-S è stata similmente giustificata dalla “sicurezza nazionale” con poca o nessuna supervisione. Tuttavia, in questo caso, invece di perdere solo le nostre libertà civili e il controllo sulle nostre vite esterne, ci troviamo di fronte a perdere la sovranità sui nostri corpi individuali.

Il NIH, che ospiterà questo nuovo ARPA-H / HARPA, ha speso centinaia di milioni di dollari per sperimentare l’uso di dispositivi indossabili dal 2015, non solo per rilevare i sintomi della malattia, ma anche per monitorare la dieta degli individui e il consumo di droghe illegali. Biden ha svolto un ruolo chiave in quel progetto, noto come iniziativa Precision Medicine, e ha evidenziato separatamente l’uso di dispositivi indossabili nei malati di cancro come parte del programma correlato al Cancer Moonshot dell’amministrazione Obama.

Il terzo progetto di ricerca sulla salute dell’era Obama è stata l’iniziativa NIH BRAIN, che è stata lanciata, tra le altre cose, per “sviluppare strumenti per registrare, contrassegnare e manipolare accuratamente i neuroni definiti nel cervello vivente” che sono determinati collegati a una funzione “anormale” o malattia neurologica. Queste iniziative hanno avuto luogo in un momento in cui Eric Lander era il co-presidente del Consiglio consultivo di Obama per la scienza e la tecnologia, mentre era ancora alla guida del Broad Institute. Non è un caso che Eric Lander sia ora il massimo consigliere scientifico di Biden, elevato a una nuova posizione a livello di gabinetto e destinato a guidare il corso di ARPA-H / HARPA.

Così, l’agenzia appena annunciata di Biden, se approvata dal Congresso, integrerebbe quelle passate iniziative dell’era Obama con le applicazioni orwelliane sotto lo stesso tetto, ma con una supervisione ancora minore di prima. Cercherebbe inoltre di ampliare e generalizzare gli usi di queste tecnologie e potenzialmente di procedere verso lo sviluppo di politiche che ne impongano l’uso.

Se l’ARPA-H / HARPA verrà approvato dal Congresso e finalmente istituito, verrà utilizzato per far risorgere vecchie e pericolose agende dello stato di sicurezza nazionale e dei suoi appaltatori della Silicon Valley, creando una “dittatura digitale” che minaccia la libertà umana, la società, e potenzialmente la definizione stessa di cosa significa essere umani.


Fonte originale:

  • Whitney Webb, Unlimited Hangout: This Biden Proposal Could Make the US a “Digital Dictatorship”.