SANTO NATALE – L’albero illuminato, le stelle, Babbo Natale, regali, pasti, brindisi … si svolgono tutti a Natale. Oggi rivediamo alcune curiosità che dovresti sapere sulla Festa più celebrata al mondo.

Tutto quello che c'è da sapere sul Natale.

Ci sono molti fatti strani e interessanti sul Natale. Ad esempio, lo sapevate che durante il periodo natalizio c’è un villaggio in Perù dove giovani e anziani risolvono il loro risentimento con un pugno? Perché ci baciamo sotto il vischio o ci diamo calze piene di dolciumi? Perchè cantano gli Angeli? La verità è che non vi è alcun riferimento agli angeli che cantano nella Bibbia. Sapevi che la parola Noel (Babbo Natale) deriva dall’espressione francese “les bonnes nouvelles” o “the good news” (nuone notizie)? E che Gesù sia nato probabilmente in una grotta e non in un granaio di legno, secondo gli studiosi della Bibbia? Se pensi di sapere tutto sul periodo più bello dell’anno, qui ti imbatterai in alcune curiosità in modo da avere più voglia di festeggiare il giorno di Natale.

La parola “Natale”

Il termine Natale deriva dal latino “Nativitas” che significa nascita. L’istituzione ufficiale del 25 dicembre come “giorno di Natale” si verifica nell’anno 345, quando per l’influenza di San Giovanni Crisostomo e San Gregorio Nacianzeno, si proclamò questa data per la Natività di Cristo (sebbene Gesù Cristo non fosse nato il 25 dicembre). La verità è che la Bibbia non specifica una data o un’ora della nascita di Gesù.

L’immagine di Babbo Natale

L’icona di Santa Claus o Papa Noel (Babbo Natale) degli annunci Coca-Cola non conforma l’origine dell’immagine di Babbo Natale. La realtà è che l’immagine di Babbo Natale è più una figura che si è evoluta nel tempo, plasmata da scrittori, artisti e persino storici. Così, le immagini del noto uomo grasso e barbuto con un abito rosso apparvero su riviste, manifesti e pubblicità molto prima del ritratto allegro di questo noto marchio di bevande analcoliche. Inoltre, secondo il libro “One Night Stands with American History”, Babbo Natale non aveva sempre la barba. Fu l’artista e disegnatore Thomas Nast che aggiunse la barba al personaggio nelle pagine di “Harper’s Weekly” durante l’ultima parte del 19° secolo.

L’origine della stella di Natale

La stella di Natale che di solito incorona i nostri alberi di Natale è originaria delle Filippine. In questa zona del pianeta, le torce sono preparate sotto forma di stelle a cinque punte, che illuminano l’ingresso delle case.

Perchè l’offerta di oro, incenso e mirra

La tradizione dice che i Magi dall’Oriente provenivano da paesi remoti per rendere omaggio a Gesù di Nazareth. Hanno portato tre regali: oro, incenso e mirra. Melchiorre, ha portato l’oro per il suo grande valore e bellezza; Gaspare ha portato l’incenso, una resina balsamica che brucia un fumo aromatico molto piacevole e Baldassare ha portato la mirra, una sostanza resinosa aromatica con proprietà antisettiche, digestive e antidepressive.

La slitta di Babbo Natale non viaggia alla velocità della luce

Babbo Natale deve visitare ogni casa del mondo in una sola notte. Una prodezza che richiede grande velocità, giusto? Bene, tecnicamente, secondo il Fermilab del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, la sua slitta dovrebbe viaggiare solo al 99,99% della velocità della luce per completare il suo compito, supponendo che visiti 800 milioni di case in tutto il mondo.

Baci sotto il vischio

Potresti sapere che il vischio proviene da luoghi temperati o tropicali, in particolare l’Europa e alcune parti dell’Asia meridionale, ma quello che potresti non sapere è che ha una sostanza chiamata viscotossina che è dannosa per l’uomo se consumata in grandi quantità. Certamente, per molti mammiferi le bacche di vischio e le sue foglie rappresentano un alimento ricco di proteine e completamente innocuo.

La decorazione dell’albero di Natale

Prima che le luci di Natale fossero inventate, ora così tradizionali e indispensabili in molte case, gli abeti natalizi erano decorati con candele e mele. Successivamente, sono state aggiunte le luci, le palle, la stella e i loop. Questi ultimi rappresentano l’unione tra famiglie e persone care in questo momento pieno di speranza e felicità. Come curiosità, uno degli alberi di Natale più famosi per le sue dimensioni, è quello che si trova nel Rockefeller Center di New York (USA), con circa 24 metri di altezza. A Dortmund (Germania) c’è anche un grande rivale: un abete naturale alto 45 metri situato nel centro del tradizionale mercatino di Natale.

L’inizio del Natale

Il Natale ha avuto un inizio lento sulla scena mondiale. Fu solo nel 336 dC, quando i vescovi romani registrarono per la prima volta il 25 dicembre la nascita di Cristo. Il Natale ha preso il posto di migliaia di antiche celebrazioni del solstizio d’inverno pagano, gli umani hanno aggiunto un significato religioso a questi simboli festivi e hanno continuato la gioia sotto il nome di Natale.

L’origine dell’albero di Natale

Questi caratteristici alberi di foglie sempreverdi sono diventati la base del nostro albero di Natale. Si ritiene che i tedeschi siano stati i primi a portare gli “alberi di Natale” nelle loro case durante le vacanze e ad abbellirli con biscotti e luci. Ora, praticamente tutti i luoghi del mondo seguono la tradizione.

La lettera a Babbo Natale

Dove vanno tutte queste missive con l’illusione contenuta di milioni di bambini? Tutte le lettere indirizzate a Babbo Natale negli Stati Uniti vanno a Santa Claus, Indiana. È una città situata a circa 6000 chilometri a sud del Polo Nord, i cui volontari rispondono alle lettere inviate da bambini e adulti in tutto il mondo.

Xmas

Abbiamo spesso visto la parola Natale scritta in inglese, Christmas, come Xmas. Sapevi che questa abbreviazione per Natale è religiosa? La lettera X è l’abbreviazione greca di Cristo.

Natale, un momento di festa

Oggi più di 2 miliardi di persone in oltre 160 paesi considerano il Natale la festa più importante dell’anno. In un paese con tanta tradizione come gli Stati Uniti, 9 persone su 10 festeggiano la festa, anche se non sono cristiani, secondo un rapporto di Pew Research.

Perché ci scambiano i regali di Natale?

Il motivo più importante per cui diamo e riceviamo regali a Natale è quello di simboleggiare i doni che i “tre uomini saggi”, i Re Magi, hanno dato a Gesù nella mangiatoia. Ma potrebbe anche venire dalla tradizione di Saturnalia che richiedeva ai seguaci di offrire rituali agli dei.

La canzone di Natale più conosciuta

Si stima che la canzone “White Christmas” di Irving Berlin sia il singolo più venduto nella storia della musica, con oltre 100 milioni di copie vendute. (I’m dreaming of a white christmas, With every christmas card I write).