Il culturista Shawn Rhoden muore a 46 anni per infarto

  • Questo famoso atleta è passato alla storia diventando il vincitore più anziano del prestigioso concorso Mr Olympia nel 2018.

Ancora una tragedia nell’universo del bodybuilding dopo la scomparsa di George Peterson a ottobre pochi giorni prima di Mr Olympia. Shawn Rhoden è morto all’età di 46 anni dopo aver subito un infarto, notizia molto tragica per gli amanti di questa pratica sempre più diffusa nel mondo.

Shawn Rhoden è stato considerato un riferimento nel bodybuilding dopo essere diventato nel 2018 il vincitore più anziano del prestigioso concorso Mr Olympia che ha vinto all’età di 43 anni e 5 mesi. Tuttavia, l’ultimo tratto della sua vita non è stato particolarmente buono fino a quando non è stata resa nota la triste notizia della sua morte per infarto. Shawn era rimasto quasi sconosciuto negli ultimi mesi, lontano dai riflettori e dalle competizioni di questa pratica.

Terribile notizia della morte di Shawn Rhoden per un attacco di cuore

Sia il suo allenatore, Chris Aceto, sia il suo promotore abituale, Dan Solomon, hanno confermato la terribile notizia della morte di Shawn Rhoden per un attacco di cuore.

Questo atleta giamaicano ha iniziato un incredibile cambiamento fisico nel 2008 passando in appena un decennio da persona in sovrappeso a uno dei migliori bodybuilder del mondo e vincendo il prestigioso Mr Olympia.

In quell’edizione del 2018, Rhoden ha fatto la storia due volte, poiché non solo è riuscito a diventare la persona più anziana a vincere il concorso, ma ha anche rotto un’egemonia inarrestabile, quella di Phil “The Gift” Heath, che inseguiva la sfida per eguagliare Ronnie Coleman e Lee Haney. Un risultato che ha cambiato la storia del bodybuilding.

La sua morte ha sconvolto il mondo del bodybuilding

Anche il mitico Rich Gaspari ha scritto un messaggio di commozione sui social:

“È molto triste sentire la sua scomparsa. Era sempre stato un gentiluomo per me. Shawn aveva uno dei fisici più estetici nel bodybuilding. Le mie condoglianze alla sua famiglia”.