Per il secondo giorno consecutivo, il Giappone registra casi record di infezione da coronavirus, spinti dall’inarrestabile aumento delle infezioni a Tokyo, che fa temere una maggiore pressione sul sistema sanitario nazionale. Nella capitale è stata segnalata anche la positività di un uomo rientrato da poco da Londra, anche se non è ancora chiaro se soffra della nuova variante del Covid-19.

Con 3.700 casi giornalieri a livello nazionale, il totale dall’inizio della pandemia è ora vicino a 211.000 nel paese e il numero di morti confermate è 3.

123. Il ministero della Salute ha annunciato che sono ricoverate 640 persone con gravi sintomi della malattia, anche un valore mai raggiunto prima.

Gli 888 casi segnalati oggi a Tokyo superano il livello precedente di 821 il 17 dicembre. La stessa data in cui il governo metropolitano ha portato al massimo livello di allerta l’emergenza sanitaria nella capitale, esortando gli abitanti a limitare partenze e spostamenti. Allo stesso tempo, a ristoranti, bar e locali che servono bevande alcoliche è stato chiesto di mantenere l’orario di chiusura fino alle 22:00 almeno fino all’11 gennaio.