Clamoroso: altra donna in gravidanza con un secondo bimbo geneticamente modificato.

Dalla Cina con furore dopo il primo caso dei mesi scorsi, quello delle due bambine gemelle geneticamente modificate, esperimento per il quale il genetista cinese rischia la pena di morte. Dalla Cina infatti arriva una nuova notizia di una seconda donna che è incinta di un bambino con tecniche di modifica del genoma. Notizia che è stata confermata dalle autorità cinesi citate da Xinhua, aggiungendo che il ricercatore dovrà affrontare un’indagine della polizia.

He Jiankui aveva causato polemiche nella comunità scientifica mondiale nel novembre 2018 annunciando la nascita di due gemelli con DNA modificato per essere immuni al virus dell’AIDS.

In seguito, in un forum di Hong Kong, He Jiankui aveva riferito che c’era “un’altra probabile gravidanza”. Un’indagine del governo provinciale del Guangdong (sud) ha confermato l’esistenza di questa persona rimasta incinta, come riferito dall’agenzia di stampa Xinhua.

Bambine modificate geneticamente: Il genetista cinese rischia la pena di morte.

Questa donna, così come i gemelli della prima gravidanza, sarà sotto osservazione medica, ha detto un investigatore ai media statali. Secondo i risultati dell’indagine, He Jiankui “produsse documenti falsi di valutazione etica“, riunì “privatamente” un gruppo di ricerca che includeva scienziati stranieri e usò “una tecnologia la cui sicurezza ed efficacia è dubbia”.

la polizia ha detto a Xinhua che lo scienziato “cerca la gloria” e che ha usato i suoi “fondi propri” per realizzare il suo progetto. Ribatido il concetto già espresso nella precedente occasione: “Questo tipo di modificazione genetica applicata agli esseri umani è proibita nella grande maggioranza dei paesi, inclusa la Cina”.