Giroud segna al Maradona contro il Napoli in Champions

DIRETTA CALCIO – Dopo 16 anni di assenza il Milan torna a giocare una semifinale di Champions League. I Rossoneri escono indenni dalla sfida contro il Napoli “stellare” di Spalletti (1-1 il risultato finale dopo l’1-0 di San Siro nell’andata) e vanno in semifinale dove molto probabilmente incontreranno l’Inter di Inzaghi (gioca mercoledì sera contro il Benfica), e quindi un derby di San Siro che sarà anche un EuroDerby.

Giroud, prima sbaglia un rigore poi segna su assist di Leao

La partita ha visto un Napoli a rullo compressore dove nel primo tempo ci provano Kvara, due volte Politano e Zielinski. Al 22′ calcio di rigore per il Milan: dal dischetto Giroud si fa ipnotizzare da Meret che para. Il calcio di rigore era da ripetere visto che un paio di giocatori del Napoli erano entrati in area prima che l’attaccante toccasse il pallone. In Napoli tenta di reagire ma al 43′ capitola sempre su Giroud che fa tap-in dopo l’assist di un Leao al termine di una lunca cavalcata che la difesa napoletana non è riuscita a fermare.

Maignan respinge rigore di Kvara, poi Osimhen pareggia al 94′

Nella ripresa la musica non cambia: doppia chance Kvara, Olivera impreciso. All’82’ Maignan respinge un penalty di Kvara e Osimhen gira di testa al 93′ per firmare il pareggio, ma è troppo tardi. Il miracolo di Maradona non c’è stato: Napoli out. E sui social diventano virali le vignette divertenti sulla qualificazione del Milan e la disfatta del Napoli di Spalletti.

Le belle parole di Costacurta a Sky

Billy Costacurta su Sky: “Stasera devo fare i complimenti ai perdenti, perché hanno onorato sul campo il calcio. Chi vince questa champions non può considerarsi campione perché è il Napoli che ha giocato il miglior calcio”.

Real Madrid ancora in semifinale

Nell’altra semifinale il Real Madrid di Carlo Ancelotti ha vinto in casa del Chelsea o-2 con una doppietta di Rodrygo (58′ e 80′). Per i Blancos si tratta dell’11esima semifinale nelle ultime 13 Champions disputate. In semifinale incontreranno probabilmente il Manchester City che stasera gioca contro il Bayern Monaco (3-0 per il City all’andata).

Il tabellino di Napoli-Milan 1-1

Marcatori gol: 43′ Giroud (M), 90’+4 Osimhen (N).

NAPOLI (4-3-3) – Meret; Di Lorenzo, Rrahmani (74′ Ostigaard), Juan Jesus, Mario Rui (34′ Olivera); Ndombelè (63′ Elmas), Lobotka, Zielinski (74′ Raspadori); Politano (34′ Lozano), Osimhen, Kvaratskhelia. Allenatore: Spalletti.

MILAN (4-2-3-1) – Maignan; Calabria, Kjaer, Tomori, T.Hernandez; Krunic, Tonali; Diaz (59′ Messias), Bennacer, Leao (84′ Saelemaekers); Giroud (68′ Origi). Allenatore Pioli.

Arbitro: Szymon Marciniak (Polonia). Ammoniti: Theo Hernandez (M), Di Lorenzo (N), Maignan (M).

Le statistiche di Napoli-Milan 1-1

  • Osimhen ha segnato in ciascuna delle sue ultime 3 partite di UEFA Champions League (4 reti totali).
  • Il Milan ha raggiunto la semifinale di Champions League per la prima volta dal 2006/07; i rossoneri raggiungono la Juventus come squadra italiana con più partecipazioni a questa fase della competizione (sette).
  • Alex Meret è il primo portiere a parare un rigore in Champions League contro il Milan da Jerzy Dudek su Andriy Shevchenko nel 2005.
  • Alex Meret è il primo portiere a parare un rigore in Champions League contro il Milan da Jerzy Dudek su Andriy Shevchenko nel 2005.
  • Olivier Giroud ha sbagliato oggi il suo primo rigore in Champions League, su sei calciati.
  • Solo Paolo Maldini contro il Liverpool nella finale del 2005 (36 anni 333 giorni) ha segnato per il Milan nella fase a eliminazione diretta di UEFA Champions League a un’età superiore di Olivier Giroud questa sera (36 anni 200 giorni).
  • Prima di Giroud l’ultimo giocatore del Milan a sbagliare un rigore e a segnare in una partita di Champions League era stato Andriy Shevchenko nel marzo 2006 contro il Bayern Monaco.
  • Prima di oggi nella sua storia nella fase a eliminazione diretta in Champions League/Coppa dei Campioni il Milan non aveva mai schierato la stessa formazione titolare tra andata e ritorno contro lo stesso avversario.