Centauro nello Spazio: attività proveniente da strano ibrido di Cometa e Asteroide.

Un team di astronomi guidato dalla University of Northern Arizona negli Stati Uniti ha scoperto attività attorno a un raro tipo di oggetto spaziale che è roccioso come un asteroide, ma è anche coperto di polvere e gas, come una cometa. I risultati sono stati annunciati questo mercoledì tramite un comunicato su news.nau.edu, dal titolo “NAU astronomers discover activity on distant planetary object”.

Questi insoliti corpi celesti sono conosciuti come centauri, come la creatura che è metà uomo e metà cavallo nella mitologia greca. Tuttavia, in questo caso si tratta di pianeti minori che hanno avuto origine nella fascia di Kuiper, ai margini del nostro sistema solare.

18 centauri attivi

Gli oggetti sono incredibilmente rari e dal 1927 sono stati scoperti solo 18 centauri attivi. Nonostante i migliori sforzi, questi corpi celesti sono molto difficili da osservare perché sono deboli, sono molto lontani e si muovono in modi insoliti.

Illustrazione artistica che mostra una creatura centauro con asteroidi a sinistra e comete a destra. NASA / JPL-Caltech.

In questo caso, gli scienziati hanno sviluppato una nuova tecnica per monitorare un centauro chiamato 2014 OG392, creando un algoritmo per cercare tracce di attività nelle immagini esistenti

dallo spazio. In questo modo, hanno osservato la conversione dei solidi in gas, un processo noto come sublimazione che ha lasciato un lungo alone simile a quello di una cometa.

La fase successiva del processo prevedeva l’utilizzo di modelli computerizzati per capire quali tipi di ghiaccio la roccia potrebbe bruciare per creare l’alone, identificando l’anidride carbonica e l’ammoniaca come i candidati più probabili.

Il ritrovamento ha fatto perdere al 2014 OG392 il suo status di centauro per essere riclassificato come una cometa che d’ora in poi si chiamerà “C / 2014 OG392 (PANSTARRS)“.

“Sono molto entusiasto che il Minor Planet Center abbia assegnato una nuova designazione di cometa in linea con l’attività che abbiamo scoperto su questo oggetto insolito”, ha detto Colin Chandler, l’autore principale dello studio che è stato pubblicato su The Astrophysical Journal Letters, con il titolo di “Cometary Activity Discovered on a Distant Centaur: A Nonaqueous Sublimation Mechanism”.