CALCIO – L’allenatore della Juventus, Antonio Conte, reduce dalla conquista dello scudetto in Serie A 2011/2012 grazie al quale la Juventus affronterà la Champions League, adesso rischia grosso.

La Commisione Disciplinare FIGC ha respinto il patteggiamento proposto da Conte e il suoi legali che nei giorni scorsi era stato invece accettato dal Procuratore Federale Stefano Palazzi, in quanto è stato considerato “non congruo“.

Per Antonio Conte quindi, niente squalifica di tre mesi più ammenda di 200 mila euro e con lui sono stati respinti anche i patteggiamenti di Angelo Alessio (vice allenatore della Juventus), di Savorani, D’Urbano, Paoloni e Passoni.

Adesso, per l’allenatore della Juventus, per il quale si ipotizza una omessa denuncia, si prospetta all’orizzonte una lunga squalifica dopo che la Commissione Disciplinare ha ritenuto credibile Filippo Carobbio, l’ex giocatore del Siena, il “grande accusatore”.