attuale massa terra ronnagrammi

I partecipanti alla 27a Conferenza Generale su Pesi e Misure, tenutasi questo venerdì alla Reggia di Versailles, a Parigi, hanno approvato l’immediata introduzione di quattro nuovi prefissi nel Sistema Internazionale di Unità (SI). Due di loro sono ‘ronna-‘ e ‘quetta-‘, che rappresentano, rispettivamente, 10 alla 27 potenza e 10 alla 30. Pertanto, la massa della Terra è di circa sei ronnagrammi, cioè un 6 seguito da 27 zeri, ha detto venerdì all’AFP Richard Brown, metrologo del National Physical Laboratory del Regno Unito, autore della proposta.

D’altra parte, i prefissi ‘ronto-‘ e ‘quecto-‘ significano anche 10 elevato a 27 e 10 elevato a 30, rispettivamente, ma con esponenti negativi, come pubblicato da Nature questo venerdì.

Questo è il primo aggiornamento al sistema di prefissi dal 1991, quando l’organizzazione aggiunse ‘zetta-‘ e ‘zepto-‘, che rappresentano 10 alla potenza di 21 con esponenti positivi e negativi, rispettivamente, e la coppia ‘yotta-‘ e ‘ yocto-‘, che rappresentano 10 elevato a 24, anche con esponenti positivi e negativi. In quel caso, i metrologi si stavano adattando per soddisfare le esigenze dei chimici, che volevano un modo per esprimere le unità SI sulla scala numerica di Avogadro: numero di unità in una mole (6 × 10 esponente 23).

Ora, il boom della crescita nella generazione e nell’archiviazione dei dati ha portato gli utenti del sistema metrico a concordare nuovi prefissi oltre quella grandezza per descrivere lo scandalosamente grande e piccolo, spiega Brown.

Gioco di lettere e parole

Brown ha lavorato per cinque anni sui piani per introdurre gli ultimi prefissi e ha presentato la proposta alla Conferenza generale su pesi e misure. Inventare i nuovi prefissi non è stato facile. Brown ha cercato le parole che iniziano con le sole lettere non ancora utilizzate come simboli per unità o prefissi, o comunque escluse. E quelle lettere erano r, R, q e Q. Teneva anche conto che in nessuna lingua sembrava una parolaccia o una parola di cattivo gusto come ‘quecca-‘, molto simile a una parolaccia portoghese.

I prefissi risultanti sono ‘molto ponderati’ e il risultato di anni di discussioni, afferma Georgette Macdonald, direttore generale del Metrology Research Centre canadese. Fondamentalmente, soddisfano il desiderio di coerenza dei metrologi ed evitano confusione, afferma Mcdonald.

“SI” attualmente necessita solo di nuovi prefissi per i numeri grandi, aggiunge, ma ha senso introdurre termini corrispondenti per l’estremità piccola della scala. ‘Non siamo davvero sicuri di misurare qualcosa su quella scala. Ma è meglio avere un equilibrio uniforme e avere i prefissi correlati tra loro in modo coerente’, ha detto Macdonald.

Brown afferma che non ci sono più lettere dell’alfabeto disponibili per rappresentare nuovi prefissi, quindi nominare le magnitudini a livello 10 con esponente 33 sarà una sfida. Brown sostiene l’uso di prefissi composti che utilizzano due simboli, come kiloquetta (kQ), piuttosto che ramificarsi in diversi alfabeti. ‘Ma penso che probabilmente siamo molto lontani dal doverci preoccupare di questo’, aggiunge.