Allarme della Scienza: L'Artico finirà il ghiaccio per l'estate del 2030.

L’Oceano Artico potrebbe rimanere senza ghiaccio in estate tra il 2030 e il 2050 a causa del riscaldamento globale. Se le emissioni di gas serra continuano ad aumentare a causa della combinazione di una fase di riscaldamento naturale a lungo termine nel Pacifico tropicale con il riscaldamento globale causato dagli esseri umani.

Questa è la conclusione principale di uno studio condotto da James Screen, professore associato di scienze del clima presso l’Università di Exeter (Regno Unito) e Clara Deser, del Centro Nazionale per la Ricerca Atmosferica (Stati Uniti), in uno studio pubblicato nela rivista “Geophysical Research Letters”, della American Geophysical Union.

I modelli climatici prevedono che il cambiamento climatico renderà l’Artico quasi privo di ghiaccio marino durante l’estate verso la metà di questo secolo, a meno che le emissioni umane di gas serra non si riducano notevolmente.

Previsioni Riscaldamento Globale? Peggiori di quanto si pensasse.

Tuttavia, uno sguardo più ravvicinato ai cicli di temperatura a lungo termine nel Pacifico tropicale indicano un Artico senza ghiaccio a settembre, il mese con meno ghiaccio marino, prima di queste previsioni. “La traiettoria è verso l’assenza di ghiaccio in estate, ma non è noto quando accadrà”, afferma Screen, l’autore principale dello studio.

Ci sono diversi modelli climatici usati dai ricercatori per prevedere quando si verificherà il primo settembre artico senza ghiaccio. La maggior parte dei modelli prevede che ci sarà meno di un milione di chilometri quadrati di ghiaccio marino entro la metà di questo secolo, ma le proiezioni di quando avverrà variano in un periodo di 20 anni a causa delle fluttuazioni naturali del clima.

Il modello climatico utilizzato nel nuovo studio prevede un’estate artica senza ghiaccio tra il 2030 e il 2050 se i gas serra continuano a salire.

Avendo una fase di riscaldamento a lungo termine nel Pacifico tropicale, una nuova ricerca mostra che un Artico senza ghiaccio è più probabile che si verifichi più vicino al 2030 che al 2050.

Cambierà Colore degli oceani per il Riscaldamento Globale, altro avvertimento.

Le temperature del Pacifico variano di mese in mese e di anno in anno, ma i processi oceanici a lenta movimentazione causano cambiamenti termici a lungo termine che durano tra 10 e 30 anni. Questo fenomeno, noto come Pacific Interdecadal Oscillation (IPO), comporta un cambiamento di circa 0,5°C nella temperatura della superficie dell’oceano nei tropici durante quel ciclo da uno a tre decenni.

Circa cinque anni fa, il Pacifico ha iniziato a passare dalla fase fredda alla fase calda dell’IPO. Screen e Deser hanno tracciato previsioni su quando un Artico senza ghiaccio si sarebbe verificato attraverso esperimenti modello in cui l’Oscillazione Interdecadica del Pacifico si è mossa nella stessa direzione del mondo reale e li ha confrontati con le previsioni in cui si stava muovendo l’IPO la direzione opposta, cioè passando da una fase calda a una fredda.

Hanno trovato previsioni che erano in sincronia con le condizioni reali e hanno mostrato un Artico primitivo senza ghiaccio, in una media di sette anni, rispetto alle previsioni che erano fuori dalla realtà.

Il cambiamento climatico causato dall’uomo è la ragione principale della perdita di ghiaccio marino, quindi i tempi della prima estate senza ghiaccio dipenderanno anche in modo significativo dal fatto che le emissioni di gas serra continuino a salire o scendere. I nuovi risultati suggeriscono che è più probabile che ci sia un settembre senza ghiaccio entro 20 anni.