Antonio Cassano, ricoverato in Ospedale per Covid: non si era vaccinato

L’ex calciatore italiano Antonio Cassano, che aveva contratto il coronavirus pochi giorni fa (poco prima di Natale), è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive all’ospedale San Martín di Genova per complicazioni da Covid-19, contro il quale non è vaccinato, cosa che è stata confermata dalla sua famiglia.

Cassano, 40 anni, che ha giocato tra Sampdoria e Real Madrid, tra gli altri club, aveva trascorso gli ultimi giorni del 2021 e l’inizio dell’anno in isolamento domiciliare dopo aver contratto il virus, come spiegato dalla moglie, la calciatrice Carolina Marcialis, su social networks.

Ha avuto una lieve desaturazione e inizio di polmonite, è stato curato con antivirali e domani sarà dimesso per tornare a casa“, ha spiegato il direttore del centro medico, dopo aver precisato che Cassano ha ricevuto 2 dosi di un vaccino anticovid.

Antonio Cassano ha giocato anche in Nazionale

Uscito dalle giovanili del Bari, Cassano si è trasferito giovanissimo alla Roma, squadra con la quale ha vinto la Supercoppa Italiana 2001, prima di passare al Real Madrid nel gennaio 2006. Al suo ritorno in Italia, l’ex attaccante ha vestito le maglie di Samp, Milan, Inter e Parma, prima di tornare al club genovese per chiudere la carriera con la Sampdoria nel 2017.

Cassano, soprannominato “Fantantantonio” ​​dai suoi tifosi, ha giocato anche con la nazionale italiana dal 2003 con la quale nel 2012 si è classificato secondo in Europa.