Alzheimer, studio dei mitocondri: pubblicati i risultati della ricerca su Nature

“Se non riesci a ricordare dove hai messo le chiavi, non pensare subito all’Alzheimer. Inizia invece a preoccuparti se non riesci a ricordare a cosa servono le chiavi”, recita un simpatico aforisma di Rita Levi-Montalcini. L’Alzheimer è la forma più grave di demenza che comporta tra gli effetti una progressiva e inesorabile perdita di memoria. Continua la lotta all’Alzheimer: lo dimostrano le recenti scoperte che restituiscono una speranza a tutti coloro che hanno ricevuto questa diagnosi e ai loro parenti.

La malattia, in questione, com’è noto, è caratterizzata da un lento declino progressivo delle cellule nervose e dei contatti tra le stesse. Si tratta, quindi, di una patologia neurodegenerativa considerata irreversibile e per la quale allo stato non risultano cure efficaci. Almeno così è stato finora. Ma un nuovo approccio promettente da parte dei ricercatori dell’EPFL (EPFL), il Politecnico Federale di Losanna, potrebbe cambiarlo.

Nel cervello dei malati di Alzheimer ci sono tipici depositi proteici, chiamati placche amiloidi. Il quadro clinico comprende disturbi della memoria e dell’orientamento, disturbi del linguaggio, disturbi della mente e del giudizio, nonché cambiamenti di personalità. La maggior parte dei trattamenti si concentra sulla scomposizione dei depositi di proteine, ma finora senza risultati.

Per questo motivo, gli scienziati hanno iniziato a cercare strategie terapeutiche alternative – una delle quali considera l’Alzheimer una forma di malattia metabolica. Un team scientifico guidato da Johan Auwerx si è ora concentrato sul mitocondrio.

Cos’è il mitocondrio

È un organo cellulare che è circondato da una doppia membrana e contiene all’interno il materiale genetico. Il mitocondrio è una specie di centrale elettrica attraverso la quale le cellule vengono rigenerate. Quindi, questo organo è anche centrale nel metabolismo.

In esperimenti con vermi e topi, gli scienziati hanno scoperto che l’aumento dei mitocondri può respingere specifiche proteine ​​dello stress e allo stesso tempo aiuta a ridurre la formazione di depositi proteici. Inoltre, è stata osservata una notevole normalizzazione delle funzioni cognitive nei topi.

Secondo Auwerx, i risultati sono estremamente incoraggianti e sono di fondamentale importanza per ulteriori studi clinici: “Affrontare il morbo di Alzheimer attraverso i mitocondri potrebbe fare la differenza”. L’importanza della ricerca in questione, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, risulta evidente anche dal fatto che i risultati della ricerca sono stati pubblicati sull’autorevole rivista “Nature“.