Auto d'oro: 1% più ricco ha più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone.

Un rapporto annuale dell’organizzazione internazionale Oxfam, pubblicato alla vigilia del World Economic Forum Davos 2020, che inizia questa settimana, indica che i 22 uomini più ricchi del pianeta superano la ricchezza di tutte le donne in Africa.

Gli autori dello studio ritengono che “la disuguaglianza economica è fuori controllo” e hanno descritto il sistema economico come “imperfetto e sessista”. Sostengono inoltre che 2.153 milionari hanno più ricchezza di 4.600 milioni di individui (il 60% della popolazione mondiale).

I ricercatori hanno scoperto che le donne e le ragazze contribuiscono quotidianamente a 12,5 miliardi di ore di lavoro di assistenza non retribuita e suggeriscono che questo tipo di attività costituisce un vantaggio per l’economia internazionale di almeno 10,8 miliardi di dollari all’anno, è diciamo, tre volte di più rispetto alle prestazioni del settore tecnologico globale.

“Le donne e le ragazze, che passano miliardi di ore a cucinare, pulire e prendersi cura dei bambini e degli anziani, sono la spina dorsale della nostra economia globale, ma sono quelle che traggono meno benefici da essa”, ha affermato Paul O’Brien, Vice Presidente per la politica e la

difesa dell’organizzazione.

Secondo i dati pubblicati da Oxfam, l’1% più ricco della popolazione mondiale ha più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone.

L’agenzia spiega anche che se avessimo risparmiato 10 mila dollari al giorno dalla costruzione delle piramidi in Egitto (oltre 4500 anni fa), avremmo un quinto della fortuna media dei 5 miliardari più ricchi.

I più ricchi stanno chiaramente manipolando la nostra economia da soli, a partire dal presidente del miliardario americano”, ha aggiunto O’Brien. “Mentre il presidente degli Stati Uniti si contrappone all’élite mondiale di Davos, la sua amministrazione cerca di ridurre l’assistenza alimentare a quasi un milione di poveri, ampliando al contempo le lacune fiscali e altri vantaggi per le grandi e ricche attività commerciali”.