VULCANO COPAHUE CILE – E’ stato portato da giallo a arancione l’allarme in Cile per la eruzione del vulcano Copahue nella zona di Neuquén. Alcuni abitanti della zona verranno evacuati a causa della cenere che si muove fino a Caviahue e Loncopué.

L’attività vulcanica continua aumentando nella cordigliera delle Ande, a nord est della provincia di Neuquén, e la cenere sta investendo le zone più vicine come Copahue e Caviahue, oltre a quella di Zapala e Cutral Co, per effetto del vento.

L’ultima informazione diffusa dal Servizio nazionale di Geologia del Cile (sigla SERNAGEOMIN) dice che i gas vulcanici con la cenere sono stati rilasciati nell’aria nella mattinata di ieri, e che hanno portato alla

formazione di una colonna di fumo nero di un’altezza di 1,5 km in direzione sud-est, e una penna di 13 chilometri.

Il Vulcano Copahue si trova al confine tra la provincia di Neuquén e la regione cilena di Bio Bio, ed ha un’altezza di 2965 metri. Data la situazione, che non è successo dal 2001, il sindaco della città di Copahue ha emesso un “allarme giallo” portatao in queste ore al colore arancio.