VIAGRA – La pillola blu che tutti conoscono per i suoi effetti portentosi sulle attività sessuali ha perso il suo brevetto e a breve diventerà un farmaco generico. Nato come un medicinale per prevenire l’infarto, la sua casa produttrice Pfizer, ha scoperto nel 1986 alcuni effetti collaterali che hanno influito nella vita sessuale di molti. Il Viagra in principio doveva inibire il PDE5, un enzima presente nei vasi sanguigni della muscolatura liscia, riducendo l’aggregazione di piastrine essenziali per la coagulazione ma che con il troppo accumulo sulle vene può procurare la loro occlusione. Pensando ai possibili benefici portati dalla creazione del farmaco che avrebbe impedito la chiusura delle arterie coronarie la causa dell’infarto del miocardio, la Pfizer è arrivata ad una scoperta inaspettata.

Alcuni fra gli uomini coinvolti nell’esperimento avrebbero riportato ai laboratori informazioni molto gradite: l’ampliamento della tendenza all’erezione.

Da quel momento la pillola dell’amore ha aiutato in numerosi casi persone che hanno difficoltà nel rapportarsi in modo più intimo. Il Viagra che fino ad oggi ha fatturato alla casa farmaceutica oltre due miliardi di dollari l’anno non costerà più 54 euro per quattro compresse. Il farmaco potrà essere fornito dai produttori di generici con un prezzo ridotto anche del 40% e il risparmio stimato è di circa 20-25 euro a confezione. Amata da molti e criticata da altri, non si può dire che la pillola blu abbia negato l’aiutato a chi lo chiedeva.