“Lo sciopero dell’equipaggio di cabina Ryanair programmato per il 29 marzo, 1 aprile e 4 viene mantenuto”, ha detto in una dichiarazione l’Unione nazionale del personale di volo dell’aviazione civile (SNPVAC). Un avviso di sciopero relativo alle circa 360 hostess e steward di Ryanair con sede in Portogallo è stato depositato alla fine di febbraio e, da allora, secondo il sindacato: “le discussioni con la compagnia si sono rivelate infruttuose nella misura in cui Ryanair non è d’accordo ad applicare la legge portoghese”.

“Purtroppo, Ryanair insiste nell’applicare la legge irlandese, il che è inaccettabile per noi”, ha detto il leader sindacale Fernando Gandra all’AFP, citando come esempio l’applicazione di sanzioni per assenteismo ai dipendenti

in congedo per malattia o pressione per aumentare le vendite a bordo.

La compagnia aerea low-cost ha iniziato un inversione di tendenza a fine dicembre, iniziando a riconoscere i sindacati che affrontano la minaccia di attacchi storici da parte dei suoi piloti in Italia, Irlanda e Portogallo. Queste minacce hanno aumentato la pressione su Ryanair, che era già stata colpita da una serie di cancellazioni di voli da settembre, incolpate dal management per un errore nella gestione degli orari delle vacanze per i piloti.

Alla luce delle dichiarazione rese dai sindacati che confermano lo sciopero nel periodo delle festività pasquali, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” consiglia agli italiani che hanno deciso di recarsi nel Portogallo di controllare sul sito ufficiale lo stato del volo per restare indenni.