Uragano al plasma spaziale sul Polo Nord

Un team scientifico internazionale ha confermato l’esistenza di un’altra classe di uragani sulla Terra che non sono depressioni nello strato inferiore dell’atmosfera, ma piuttosto colpiscono gas ionizzati a più di 110 Km di altitudine, almeno sulle regioni polari.

È una replica locale del fenomeno osservato in più occasioni da lontano su altri pianeti, come Marte, Saturno e Giove. E in questo caso, i ricercatori guidati dall’Università dello Shandong (Cina) si sono rivolti a dati satellitari per identificare il modello dell’evento meteorologico precedentemente inosservato.

In una storia di osservazioni satellitari, hanno trovato un punto simile a un ciclone, ma anche a un’aurora boreale, con più bracci e un trend di svolta in senso antiorario, avvenuta al Polo Nord nell’agosto 2014. Il fenomeno si è esteso a più di 1000 Km di diametro e comprendeva il nord della Groenlandia e il Nord America che sfiorano anche la costa artica dell’Asia con un braccio.

Tempesta di plasma con pioggia di elettroni invece di acqua

Gli scienziati hanno individuato le precipitazioni nella regione colpita per quasi otto ore, sebbene questa tempesta di plasma abbia piovuto elettroni invece dell’acqua. Inoltre, condivideva molte caratteristiche con i soliti uragani della bassa atmosfera: un centro tranquillo, bracci a spirale, ampia circolazione. Una caratteristica degna di nota è che si è verificato nel mezzo di un periodo di bassa attività geomagnetica, quando il ciclo solare di 11 anni era in declino.

Fenomeni universali su pianeti e lune

Uno dei coautori dello studio, il professor Michael Lockwood dell’Università di Reading, ha affermato che gli uragani come questo potrebbero essere fenomeni universali su pianeti e lune con campi magnetici e plasma. “Fino ad ora, non era chiaro se esistessero uragani al plasma spaziale“, ha ammesso.

“Le tempeste tropicali sono associate a grandi quantità di energia e questi uragani spaziali devono essere creati da un trasferimento straordinariamente ampio e rapido di energia dal vento solare e dalle particelle cariche nell’atmosfera superiore della Terra”, ha confrontato Lockwood.

Sul nostro pianeta, gli eventi descritti nei risultati di questo gruppo di ricerca possono essere correlati a diversi cambiamenti nella meteorologia spaziale, variare la resistenza dei satelliti, causare disturbi nelle comunicazioni radio ad alta frequenza e anche errori nella navigazione satellitare.