Trovata Vita Extraterrestre nella Stazione Spaziale: non deve arrivare sulla Terra.

La scoperta di forme di vita extraterrestri ha sollevato la necessità di cercare migliori strategie di protezione planetaria, avverte la NASA. La Stazione Spaziale Internazionale orbita attorno alla Terra 15 volte in un giorno. Mai, nei suoi 30 anni di servizio, aveva segnalato alcun tipo di vita extraterrestre, al di fuori della comunità di astronauti che vi lavorano. Oggi, dopo decenni di ricerche, gli scienziati che vivono presso la stazione hanno riportato la scoperta di 3 nuovi microrganismi alieni al nostro pianeta.

Secondo la NASA, queste “forme di vita aliene” sono batteri. Sono stati trovati in diverse parti della Stazione Spaziale Internazionale, come varianti genetiche della stessa famiglia di microrganismi. Non sono affatto esseri complessi, sviluppati o altamente intelligenti. Sono semplicemente apparsi nello spazio. Ecco perché sono alieni.

La Stazione Spaziale Internazionale trabocca di batteri alieni

Ci sono forme di vita aliene sulla Stazione Spaziale Internazionale? La risposta breve è sì. Tuttavia, il colpo per gli ufologi sarà scoraggiante: questi non sono esseri con un’intelligenza superiore o armi di distruzione di massa. Sono solo microbi alieni.

Il primo tipo di vita è stato trovato in una capsula dove vengono coltivate le piante. Di recente, la NASA ha promosso lo sviluppo di giardini spaziali e fattorie, in modo che i membri dell’equipaggio possano avere cibo fresco durante le lunghe missioni. Sembra che una conseguenza secondaria di questi sforzi sia la creazione di forme di vita non terrestri, come nel caso di questo batterio.

In condizioni di gravità zero, il comportamento di questi 3 microrganismi è ancora allo studio. Nonostante la notizia possa essere scandalosa, la rivista scientifica Science assicura che questo fenomeno non è nuovo:

“La Stazione è piena di batteri e funghi”, spiega la rivista. “Un nuovo studio trova prove convincenti che i microrganismi sulla pelle umana sono presenti in tutta la stazione e alcuni insetti potrebbero causare gravi danni agli astronauti“.

Per questo motivo, gli astronauti limiteranno ogni possibilità di contatto tra queste forme di vita extraterrestri con la superficie terrestre. Come è noto, appartengono ad una famiglia di batteri dell’ordine Rhizobiale, che si caratterizza per il proprio movimento e la propria forma a bastoncino.

Questo mette a rischio la sicurezza planetaria della Terra?

Non all’inizio. Lo studio condotto dalla NASA è stato recentemente pubblicato su Frontiers in Microbiology. Ciò che preoccupa davvero l’agenzia è che i microbi possano infettare gli astronauti entrando in contatto con le loro tute spaziali:

“[…] ceppi microbici identici possono vivere nell’articolazione del polso, nel guanto interno e nel guanto esterno delle tute spaziali“, scrivono gli autori. “Ciò solleva la possibilità, ma non conferma che i contaminanti microbici all’esterno delle tute potrebbero contaminare le operazioni di scienze planetarie a meno che non vengano presi ulteriori provvedimenti”.

Secondo gli scienziati incaricati dello studio, questa non è una cattiva notizia. Piuttosto, “aiuterà i futuri pianificatori di missioni a sviluppare strategie di protezione planetaria efficaci“. Nell’interesse della protezione della Terra, si stanno già lavorando sui meccanismi per fermare possibili infezioni agli astronauti, che possono contaminare il pianeta quando tornano a casa.

La portata dell’indagine, tuttavia, non si ferma qui. gli scienziati pensano che la stessa pianificazione potrebbe aiutarli a colonizzare Marte, limitando il contatto con forme di vita aliene potenzialmente dannose, come è successo sulla Stazione Spaziale Internazionale.