Trattamento anti-invecchiamento che uccide le cellule vecchie.

I trattamenti anti-invecchiamento potrebbero avverarsi molto presto e il primo passo è fatto. Risulta che non tutte le cellule danneggiate muoiono. Alcune rimangono come cellule senescenti, incapaci di dividersi ma ancora in grado di produrre segnali chimici, e potrebbero svolgere un ruolo importante nella battaglia contro l’invecchiamento.

Un benefico trattamento anti-invecchiamento.

“Si pensa che queste cellule, e le sostanze che producono, siano coinvolte nel processo di invecchiamento”, ha detto al MIT Technology Review il ricercatore di longevità Nicolas Musi dell’Università del Texas ad Austin. “L’idea è che l’eliminazione di queste cellule potrebbe essere utile per promuovere un invecchiamento sano e anche per prevenire le malattie dell’invecchiamento“.

Sulla base dei risultati di uno studio molto iniziale, potrebbe esserci qualcosa in quella teoria. A gennaio, Musi ed i suoi colleghi hanno pubblicato i risultati di uno studio nel quale hanno trattato 14 pazienti affetti da fibrosi polmonare idiopatica (IPF) con una combinazione di farmaci ritenuti in grado di eliminare le cellule senescenti.

Nel corso di tre settimane, i pazienti hanno assunto nove dosi di un farmaco per la leucemia chiamato dasatinib e quercetina, un supplemento.

Alla fine del processo, è stato riferito che i pazienti potevano camminare più lontano di quanto avrebbero potuto prima nella stessa quantità di tempo e altri segni di miglioramento del benessere, il tutto senza gravi effetti collaterali.

“Sebbene sia piccolo, questo studio pilota segna una svolta nel modo in cui trattiamo le malattie legate all’età, come l’FPI”, ha affermato il ricercatore Jamie Justice in un comunicato stampa. “Qui, ci siamo rivolti terapeuticamente a un fondamentale segno biologico dell’invecchiamento che è coinvolto nell’IPF, e mostriamo risultati precoci ma promettenti per la prima volta in pazienti umani”.

Trattamento anti-invecchiamento che uccide le cellule vecchie: siamo alla svolta.

In questo momento, è difficile dire se la combinazione di farmaci sarebbe effettivamente efficace come terapia anti-invecchiamento, ma i ricercatori sono impegnati a scoprirlo. Stanno già testando il trattamento in un gruppo di altri 15 pazienti con malattie polmonari e con 20 persone affette da malattia renale cronica.

“Se vediamo segni di efficacia e non troviamo effetti collaterali molto gravi, cercheremo di raggiungere le persone con un numero sempre minore di malattie potenzialmente letali”, ha dichiarato il ricercatore James Kirkland al MIT Technology Review. “Se tutto va bene”.