Thailandia: eroico pensionato italiano di 91 anni muore salvando la vita alla moglie

Tragedia a Pattaya, una città sulla costa orientale del Golfo della Thailandia. Un uomo di 91 anni, pensionato italiano, Giacomo Smedile, è morto colpito dal ramo di un albero per salvare la vita di sua moglie, una tailandese di 49 anni. Inutili i soccorsi. L’incidente è avvenuto, domenica, sul lungomare mentre era in compagnia della moglie.

L’uomo vedendo il ramo cadere su di loro, ha spinto la moglie anteponendo il suo corpo ma colpito alla testa dal ramo, si è accasciato. All’arrivo dell’ambulanza, al personale sanitario non è rimasto altro da fare che dichiararne il decesso.

Sul posto anche la polizia locale per i rilievi di rito. Il corpo è stato restituito ai familiari.

Smedile era uno dei tanti italiani che hanno scelto di lasciare l’Italia per godersi la pensione all’estero.

È un pezzo, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, come le destinazioni preferite siano scelte dai nostri connazionali pensionati, magari con mete in cui il Fisco pesa molto meno. La questione finanziaria è naturalmente quella principale, anche perché i pensionati all’estero percepiscono un assegno lordo con ritenute fiscali applicate solo dai Paesi di residenza, con doppio smacco per il Tesoro italiano, che eroga soldi a chi, di fatto, non li spenderà in Italia sottraendo dunque altri introiti sotto forma di imposte su consumi e investimenti.