Il testamento segreto di Michael Jackson continua scomparso.

Michael Jackson aveva testamento segreto prima della sua morte, che mostrava esattamente come voleva che la sua fortuna fosse distribuita. Tuttavia quel documento scomparve, secondo Raymone Bain, l’ex portavoce dell’artista.

La donna ha dichiarato, secondo il New York Post, che il documento legale è stato scritto tre anni prima della morte di Jackson. Proprio il 6 ottobre 2006. Era una delle testimoni accanto al notaio.

Parlando a una conferenza stampa a New York questa settimana, Bain ha dichiarato:

“Michael Jackson è stato una vittima dalla sua morte più di una volta, ed è ora di smettere. È moralmente, eticamente e legalmente scorretto … si dice costantemente che Michael sia morto con un debito di 500 milioni di dollari, ma … Michael non aveva il catalogo dei Beatles, Bob Dylon, Ray Charles e alcune delle registrazioni di Elvis Presley? Non ha venduto 50 spettacoli in un periodo di 24 ore?”.

Bain ha dichiarato di aver visto come l’artista ha firmato il testamento nel 2006. Un documento che avrebbe sostituito quello attuale nel 2002, ma ha denunciato la mancanza del documento dalla sua morte.

La donna ha spiegato:

“Non sanno molto di me da 10 anni. Mi hanno chiesto di parlare di alcuni argomenti su Michael Jackson. Mi piace la direzione che l’eredità ha preso negli ultimi anni? La tua eredità è stata protetta e mantenuta negli ultimi 10 anni? Proprio come era il suo pubblicista, io ero la donna che ha concesso la sua licenza musicale. Aveva quattro procure, tra cui il Neverland Ranch e diversi conti bancari … Michael era metodico, accurato e preciso. Ho aspettato e pregato che il testamento di Michael Jackson del 6 ottobre 2006 fosse trovato, rivelato, scoperto … Non ce l’ho, non so dove sia … ma ho avuto l’onore di stare con lui e il notaio”.

Secondo Raymone Bain, una delle decisioni del cantante nella sua volontà perduta è stata quella di donare e aiutare università e studenti neri.

“Nei 10 anni dalla sua morte … non conosco nessuna borsa di studio, nessuna donazione, nessuna sedia, nessuna scuola o contributo a qualsiasi scuola o università storicamente nera, o università per conto di Michael Jackson. Nessuno studio di registrazione, ospedale, clinica, fondazione, beneficenza. Non ho sentito parlare di donazioni o contributi significativi a nessuna organizzazione da lui nominata”, accusa la donna.

Nel 2002, Jackson lasciò la sua fortuna alla sua famiglia e nominò sua madre Katherine Jackson come custode legale dei suoi tre figli, Prince, 22, Parigi, 21 e Blanket, 17.

I rappresentanti del patrimonio di Michael Jackson hanno assicurato al quotidiano The Independent che:

“Raymone Bain non è autorizzata ad agire per conto di Michael Jackson o ad usare il nome di Michael Jackson per scopi di beneficenza o commerciali”.