ANCORA TERREMOTI IN CILE OGGI – Da Santiago del Cile arriva la notizia che sono state piu’ di 20 le scosse di assestamento successive al forte terremoto di magnitudo 6,8 della scala Richter avvenuta domenica per oltre 1300 chilometri del territorio cileno, lasciando molti feriti e centinaia di sfollati. Secondo gli esperti si e’ trattato di una replica “in ritardo” del terremoto di magnitudo 8,8 che ha devastato diverse regioni del paese il 27 febbraio 2010 per danni complessivi quantificati in 30 miliardi di dollari.

Il terremoto di domenica, spiegano gli esperti, era situato nella stessa faglia geologica del sisma di due anni fa sotto il fondo marino, a 360 km sud-ovest di Santiago, nella regione di Maule: epicentro a 24 km da Constitución e ipocentro a 40,7 km di profondita’. Gli esperti affermano inoltre che queste “scosse di assestamento” potrebbero estendersi fino a cinque anni. Intanto, assestamento dopo assestamento, il Cile continua a tremare con terremoti, anche oggi, che raggiungono e superano i 4 gradi della scala Richter.