IL CAVALIERE, SILVIO BERLUSCONI, A MATTINO 5 – “Smettiamola di parlare di questo imbroglio. Di spread non si era mai sentito parlare, se ne sente parlare solo da un anno. Cosa ci importa di quanti interessi il nostro debito pubblico paga a chi investe nei nostri titoli rispetto a quello che pagano gli investitori che investono nel debito pubblico tedesco?“.

La frase di Berlusconi sullo spread non diventerà famosa, si perderà tra le tante affermazioni lapidarie, più o meno oculate, che il Cavaliere ha proferito e proferirà durante la sua attività di politico e imprenditore italiano, giunto all’ennesimo, e criticato, inizio di campagna elettorale.

I punti salienti del suo intervento alla trasmissione “Mattino Cinque”, tra cui le affermazioni sullo spread, possono essere riassunti in breve.

Il suo ritorno in scena non preoccupa l’Unione europea.

Il governo Monti, il Cavaliere non dice che abbia fatto errori, ma ha seguito la politica germano-centrica. Risultato, secondo il parere di Berlusconi, un peggioramento generale dovuto al governo tecnico: “ha portato a una crisi molto peggiore della situazione in cui ci trovavamo quando eravamo noi al governo“.

Infine, i progetti futuri, primo fra tutti una cena con Roberto Maroni per la stessa sera: “Decideremo l’alleanza tra PdL e Lega e l’ipotesi di una Lombardia a guida leghista“.
Tutto questo, affidato all’intervento telefonico nell’ambito di ‘La telefonata’ di Belpietro, programma in cui il giornalista Maurizio Belpietro rivolge alcune domande su temi di attualità ad un ospite in collegamento telefonico, su Canale 5, nella puntata dell’11-12-2012.
Ricordiamo che l’intervento nel programma di Belpietro può essere riascoltato, tra gli altri, sul sito Mediaset della trasmissione “Mattino Cinque“.