scoperta supermolecola fabimicina batteri resistenti antibiotici

  • La fabimicina potrebbe essere utilizzato per combattere le infezioni persistenti del tratto urinario, dei polmoni e persino del flusso sanguigno causate da batteri gram-negativi.

Un team internazionale di ricercatori ha recentemente pubblicato uno studio sulla rivista ACS Central Science in cui afferma di aver scoperto una nuova molecola in grado di trattare centinaia di tipi di batteri che sono diventati resistenti ai farmaci.

Chiamata fabimicina, questa molecola potrebbe essere utilizzata per combattere le infezioni persistenti delle vie urinarie, dei polmoni e persino del flusso sanguigno causate da batteri gram-negativi, che sono generalmente difficili da eradicare con gli antibiotici noti perché hanno una membrana esterna protettiva che funge da scudo contro le sostanze nocive.

“Studi genomici ed esperimenti con ceppi carenti di permeabilità hanno rivelato una varietà di bersagli biologici che potrebbero essere coinvolti nell’uccisione dei batteri gram-negativi”, scrivono i ricercatori. “Tuttavia, la formidabile membrana esterna e le pompe di efflusso promiscue di questi agenti patogeni impediscono a molti antibiotici candidati di raggiungere questi obiettivi”.

Gli scienziati sottolineano che la fabimicina supera questi problemi passando attraverso lo strato esterno della cellula, eludendo i meccanismi protettivi. Inoltre, questa molecola impedisce l’eliminazione dei batteri commensali, quelli che sono benefici per il corpo umano, un altro problema che presentano molti trattamenti attuali.

Nei test di laboratorio, la fabimicina ha avuto un effetto su più di 300 tipi di batteri resistenti ai farmaci e ha ridotto i livelli di batteri nocivi nei topi con polmonite o infezioni del tratto urinario.

“Data la promettente attività della fabimicina nei modelli murini di infezione e i dati incoraggianti secondo cui la fabimicina è molto più stabile nel plasma umano […] è ragionevole ritenere che la sua efficacia possa migliorare poiché viene utilizzata per trattare le infezioni negli organismi”, aggiungono i ricercatori. Concludono che “la potenza di questa molecola, unita all’apparente mancanza di resistenza preesistente, costituisce un buon auspicio”.

Per ora, il team si concentrerà sulla preparazione della fabrimicina per l’uso negli studi sull’uomo in modo che possa essere eventualmente incorporata in farmaci ampiamente utilizzati.

  • Foto di copertina: Anupama Lakshmanan/Caltech. La resistenza agli antibiotici nei batteri rappresenta un grave problema di salute, poiché non esistono farmaci per curare le infezioni che causano.