scienza scoperto segreto tardigradi sopravvivere decenni senza acqua

Alcune specie di tardigradi (noti anche come orsi d’acqua) possono sopravvivere in ambienti diversi che sono ostili o addirittura fatali per la maggior parte degli organismi viventi. Tuttavia, fino ad ora, il meccanismo di sopravvivenza di questi minuscoli animali acquatici era sconosciuto. Ecco le parole del biologo Takekazu Kunieda, membro del team di ricercatori all’Università di Tokyo che ha scoperto il motivo per cui i tardigradi possono resistere a un’estrema disidratazione senza morire:

“Sebbene l’acqua sia essenziale per tutte le forme di vita che conosciamo, alcuni tardigradi possono vivere senza acqua per decenni. Il trucco è come le loro cellule affrontano questo stress durante il processo di disidratazione”.

“Si ritiene che quando l’acqua lascia una cellula, un qualche tipo di proteina deve aiutarla a mantenere la forza fisica per evitare che collassi su se stessa”, ha aggiunto.

Pertanto, hanno studiato un gruppo di tardigradi alla ricerca di proteine ​​che potrebbero spiegare questo fenomeno.

“Dopo aver analizzato diversi campioni, abbiamo scoperto che le proteine ​​solubili al calore (CAHS) abbondanti di citoplasma, uniche per i tardigradi, sono responsabili della protezione delle loro cellule dalla disidratazione”. La loro presenza potrebbe essere dimostrata visualizzandoli, utilizzando etichette fluorescenti.

Le proteine ​​CAHS possono rilevare quando la cellula che le incapsula è disidratata. È allora che entrano in azione, creando fili simili a gel quando si asciuga. Queste strutture simili a citoscheletri supportano la forma della cellula mentre perde acqua, proteggendola dallo stress meccanico che altrimenti la ucciderebbe.

Gli scienziati sperano che attraverso questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista PLOS Biology, si possano trovare modi per migliorare la conservazione dei materiali cellulari e delle biomolecole allo stato secco. Ciò potrebbe prolungare la durata di conservazione dei materiali utilizzati per i farmaci con date di scadenza brevi o addirittura degli organi necessari per i trapianti.