Vogliono modificare gli umani con DNA Tardigradi per i Viaggi nello Spazio.

I tardigradi sono sopravvissuti a condizioni che potrebbero uccidere qualsiasi altro organismo, incluso il vuoto spaziale, le temperature estreme e le radiazioni. Ora gli scienziati stanno prendendo in considerazione l’uso del DNA di queste creature per modificare le cellule degli astronauti che effettuano lunghi viaggi nello spazio.

Chris Mason, genetista e professore associato di fisiologia e biofisica alla Weill University di New York, ritiene che il DNA dei tardigradi potrebbe aiutare gli umani nel loro viaggio su Marte.

Uno dei maggiori problemi che i futuri colonizzatori devono affrontare sono proprio le radiazioni, con livelli che raggiungono 700 volte quelli che sperimentano sulla Terra. La prima cosa proposta da Mason e dal suo team è progettare un processo che consenta di “attivare o disattivare” espressioni genetiche specifiche.

Astronauti geneticamente modificati

Inoltre, qui sulla Terra, la stessa tecnologia potrebbe essere utilizzata per “combattere gli effetti delle radiazioni sulle cellule sane durante i trattamenti contro il cancro”. “Non ho piani immediati per gli astronauti geneticamente modificati“, ha detto. “Ma se avremo ancora diversi anni di scoperte e convalida funzionale di ciò che pensiamo sia possibile, allora forse tra 20 anni potrebbe essere davvero possibile”.

“Ad esempio, spero che in quel momento raggiungeremo una fase in cui saremo in grado di modificare gli umani in modo che si adattino meglio alle condizioni di Marte”. “Mentre l’espansione della nostra specie al di fuori del pianeta implica necessariamente cambiamenti nel corpo umano, esiste un modo per farlo in modo scientificamente responsabile”, spiega Mason.

Esserre umano del Futuro.

“In termini di questione della libertà, creeremmo un essere umano del futuro con maggiori opportunità, supponendo, naturalmente, che nel processo non ne abbiamo tolto nessuno”. “La creazione di esseri umani geneticamente modificati è qualcosa di etico se consente loro di abitare Marte senza interferire con le loro capacità di vivere sulla Terra”, conclude.

Il segreto: la proteina Dsup.

Gli scienziati hanno scoperto la proteina Dsup (acronimo di Damage Suppressor) nei tardigradi nel 2016. Successivamente, i ricercatori dell’Università di Tokyo hanno teorizzato che potrebbe aiutare a proteggere il DNA dallo stress da irradiazione e testato i suoi effetti sulle cellule umane esposte ai raggi X.

Nel confrontare i risultati con cellule umane non modificate, gli scienziati giapponesi hanno visto che c’era una notevole differenza. Le cellule con la proteina Dsup avevano ricevuto solo la metà del danno da quelle che erano state negate ed erano ancora in grado di riprodursi. È così che questo segreto dell’invincibilità dei tardigradi, nel loro mondo microscopico, potrebbe essere usato dall’umanità per esplorare le vastità macrocosmiche.