Sciame sismico alle Isole Canarie con oltre 4 mila Terremoti: prossima eruzione vulcanica?

Dallo scorso sabato l’isola di La Palma, nelle Isole Canarie (Spagna), ha registrato 4222 terremoti, secondo l’ultimo aggiornamento dei dati dell’Istituto Geografico Nazionale (IGN).

La maggior parte degli eventi sismici non sono stati percepiti dalla popolazione, ma nell’ultimo giorno ce ne sono stati alcuni di maggiore intensità con epicentro più vicino alla superficie. Secondo gli esperti, il magma si sta facendo strada attraverso la crosta terrestre e potrebbe portare a un’eruzione del vulcano Cumbre Vieja, che comprende diversi coni e crateri.

L’intero arcipelago delle Canarie è di origine vulcanica e le eruzioni su tutte le sue isole sono state una costante nella sua storia geologica. L’ultimo grande episodio si è verificato nel 2011, quando si è verificata un’eruzione sottomarina nella vicina isola di Hierro.

Sciame sismico alle Isole Canarie con oltre 4 mila Terremoti: prossima eruzione vulcanica?

Per trovare un evento simile sull’isola di La Palma bisogna tornare molto più indietro, esattamente mezzo secolo. Nell’ottobre 1971 il Teneguía – uno dei coni del vulcano Cumbre Vieja –, alto appena 439 metri, espulse lava per tre settimane. Le scosse sono iniziate appena sei giorni prima dell’eruzione, considerata la più breve avvenuta nelle Isole Canarie.

Da allora, l’edificio vulcanico è rimasto inattivo fino al 2017, quando si è cominciato a rilevare un’attività sismica in aumento, che ha fatto scattare gli allarmi durante l’ultima settimana. Ora l’attività è di nuovo registrata nell’ambiente Cumbre Vieja.

Cos’è uno sciame sismico?

Si ritiene che uno sciame sismico si verifichi quando un gran numero di terremoti o movimenti sismici è concentrato nello spazio e nel tempo.

Nel caso della Palma, sono stati registrati più di 4000 terremoti in meno di cinque giorni, dalle prime ore di sabato 11 settembre, nella parte meridionale dell’isola. Questo mercoledì, 20 terremoti si sono verificati a profondità comprese tra 1 e 3 chilometri, mentre l’evento più grande, 2,9, si è verificato a una profondità di soli 0,4 chilometri. Tuttavia, la maggior parte dell’attività si concentra a profondità comprese tra 7 e 9 chilometri.

Secondo gli esperti di IGN, l’attività sismica continua a migrare leggermente verso nord-ovest, a una profondità di circa 8 chilometri.

Perché si producono quest terremoti?

L’origine dello sciame sismico che si sta verificando sull’isola spagnola è un’intrusione magmatica. Il magma all’interno della terra si muove e penetra nella crosta terrestre consolidata.

Questo movimento sta lasciando segni anche all’estero. Così, l’area colpita nel sud della Palma sta guadagnando altezza. La deformazione verticale massima accumulata è stimata intorno ai 6 centimetri con una distribuzione compatibile con un centro di pressione in quella zona.

La Rete Geodetica delle Isole Canarie, gestita dall’Istituto Vulcanologico delle Isole Canarie (INVOLCAN), ha calcolato che sono già stati iniettati 11 milioni di metri cubi di magma all’interno di Cumbre Vieja, l’area in cui si trovano la maggior parte dei terremoti dell’attuale sciame.

Involcán interpreta questo modello di deformazione come l’effetto della pressurizzazione di un piccolo serbatoio magmatico, situato all’interno di Cumbre Vieja a una profondità di circa 6-7 chilometri.

Ci sarà un’eruzione?

Gli esperti concordano sul fatto che uno sciame sismico in un’area vulcanica potrebbe portare a un’eruzione, sebbene non sia l’opzione più probabile. Così, i tremori potrebbero cessare; Potrebbero andare avanti per giorni, settimane o mesi, poi fermarsi. Oppure potrebbero portare a un’eruzione se il magma riuscisse a sfondare all’esterno della crosta terrestre.

Quello che si sa è che la maggior parte degli sciami sismici non termina con un’eruzione vulcanica. Anche se è vero che l’area ora colpita ospita l’edificio vulcanico più attivo delle Isole Canarie e se dovesse verificarsi un’eruzione, sarebbe lì che si verificherebbe.

Allerta gialla?

Martedì le autorità dell’isola hanno alzato l’allerta al giallo, il primo dei tre livelli che compongono questo semaforo. I residenti di quattro comuni colpiti sono invitati a prestare attenzione: Fuencaliente, Los Llanos de Aridane, El Paso e Mazo.

Il sindaco del municipio di La Palma, Mariano Hernández Zapata, dopo l’incontro con il comitato scientifico per valutare l’evoluzione dei movimenti sismici nei giorni scorsi, ha riferito sui social network che il semaforo giallo sarà mantenuto:”

“L’intensità è cresciuta e potrebbe esserci una rapida evoluzione a breve termine, anche se non ci sono elementi che ci facciano avere il 100% di quella certezza”.

Hernández ha affermato che è “previsto” che si verificheranno “terremoti avvertiti di maggiore intensità” e ha chiesto “la massima attenzione a tutti i vicini”, nonché la “massima collaborazione”, oltre a chiedere che siano informati attraverso i media ufficiali nel caso si modifica l’allerta o le autorità devono inviare un messaggio alla popolazione.

Fonte: IGN Spagna.