Scandalo del sangue infetto in Inghilterra, avviata indagine.

LONDRA NEWS – Avviata lunedì 24 settembre un’inchiesta sullo scandalo del sangue infetto che, negli anni ’70-80 del secolo scorso, provocò la morte di almeno 2400 persone colpite da epatite C e virus dell’Aids Hiv. L’inchiesta dovrà determinare in che modo può essere avvenuto lo scandalo, ma anche “se ci sono stati tentativi di nascondere” i fatti tramite “la distruzione di documenti o il rifiuto di concedere informazioni“. Verranno esaminate anche le risposte fatte al momento dal governo inglese e dal Servizio sanitario nazionale. L’inchiesta dovrebbe durare almeno due anni e mezzo e sarà guidata dal giudice in pensione Brian Langstaff.

La sua apertura è stata accolta da un rappresentante delle vittime, l’avvocato Des Collins. “Per le persone colpite, le loro famiglie e gruppi (che avevano fatto una campagna per questo), questo è un giorno che nessuno pensava che sarebbe successo“, ha dichiarato.

La decisione di aprire un’inchiesta pubblica è stata presa nel 2017 dal governo del Regno Unito.

Un precedente sondaggio concluso nel 2009 aveva stabilito che il governo avrebbe dovuto agire prima per aumentare il flusso di sangue britannico e porre fine alla dipendenza dalle importazioni.

Aveva portato all’istituzione di un sistema di compensazione delle vittime, ma non era stato avviato alcun processo e non erano state stabilite responsabilità. In base a un recente report parlamentare, furono circa 7500 i pazienti che contrassero una malattia dopo essere stati sottoposti a infusioni di materiale contaminato proveniente dagli Stati Uniti sotto la supervisione del NHS, il servizio sanitario pubblico del Regno Unito.

Molti erano malati di emofilia che necessitavano di somministrazioni regolari di fattore VIII della coagulazione del sangue. Il Regno Unito importò sangue ed emoderivati e alcuni prodotti risultarono infetti. Sembra che la maggior parte del plasma utilizzato, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, arrivasse da prigionieri reclusi nelle carceri americane, che hanno venduto sangue.