Rojadirecta: 2 anni di prigione e 500 mila Euro di multa al creatore del sito web

L’ideatore di Rojadirecta ha accettato una condanna a due anni di reclusione, l’interdizione per lo stesso periodo dal lavoro su pagine web o computer e un risarcimento di 500 mila euro, più una multa di 18 mesi per un reato di pirateria dei contenuti LaLiga e Mediapro, tra gli altri, per diverse stagioni.

La pena detentiva è stata sospesa grazie all’accordo raggiunto da tutte le parti e al riconoscimento di Miguel T G di numerosi reati continui contro la proprietà intellettuale, commessi tramite Rojadirecta e altri quattro siti Web, che offrivano collegamenti per guardare eventi sportivi.

LaLiga e Mediapro hanno assicurato che questo è uno dei più grandi risarcimenti concessi per violazione dei diritti di proprietà intellettuale. Il processo doveva svolgersi presso il tribunale provinciale di Madrid e le accuse, pubbliche e private, richiedevano fino a 6 anni di reclusione.

I siti web sono stati attivi tra il 2013 e il 2018 e offrivano un elenco di collegamenti a cui era possibile visualizzare gratuitamente contenuti protetti da copyright. Sebbene l’accesso al web fosse gratuito per l’utente, il creatore ha ottenuto un reddito milionario attraverso la pubblicità.

In una nota hanno dichiarato:

LaLiga e il Gruppo Mediapro continueranno la loro lotta contro la pirateria audiovisiva e il consumo fraudolento e irregolare dei diritti di proprietà intellettuale, con l’obiettivo di continuare a proteggere i legittimi creatori e detentori di contenuti audiovisivi“.