Risveglio Vulcani nel Mondo: Vulcano russo potrebbe causare Eruzione Catastrofica.

Un vulcano (o meglio Stratovulcano) nell’Estremo-Oriente della Russia che fino a poco tempo fa era considerato “estinto” si è risvegliato: esiste una reale minaccia di una potente eruzione. E’ quanto si afferma in uno studio condotto da ricercatori dell’Istituto Trofimuk di Geologia del Petrolio e Geofisica dell’Accademia delle Scienze Russa pubblicato nel Journal of Volcanology and Geothermal Research.

Si tratta del vulcano Bolshaya Udina, nella parte centrale della penisola di Kamchatka, in Russia, il quale negli ultimi anni ha iniziato a mostrare segni di vita dopo essere stato considerato inattivo per decenni. Udina è un massiccio vulcanico che comprende due stratovulcani conici: Bolshaya Udina e Malaya Udina.

“Quando un vulcano rimane in silenzio per un lungo periodo, la sua prima eruzione può essere catastrofica“, ha detto Ivan Kulakov, capo dello studio. Secondo il ricercatore, la cenere rilasciata dopo un’eruzione di questo tipo non interesserebbe solo le popolazioni vicine, ma anche le città di “tutto il pianeta”.

“Mentre l’eruzione in Perù del vulcano Huaynaputina nell’anno 1600 ha causato una diminuzione delle temperature in Europa e una carestia in Russia”, ha aggiunto.

Bolshaya Udina è alto 2920 metri, e fa parte di un massiccio vulcanico che comprende anche la Malaya Udina (Udina Menor). Da quando è iniziato il monitoraggio nell’area nel 1961, è stata registrata un’attività sismica “solo lieve”.

Risveglio Vulcani nel Mondo: Vulcano russo potrebbe causare Eruzione Catastrofica.

Tuttavia, a partire dal terzo trimestre del 2017, questa attività sismica è stata presentata frequentemente e la sua portata è gradualmente aumentata. Fino a quando, lo scorso febbraio, c’è stato un terremoto di magnitudo 4,3, il più forte in quella zona nella storia delle osservazioni.

“Ricordate cosa è successo a Pompei“, ha aggiunto Kulakov, riferendosi all’antica città romana che fu cancellata dalla mappa dall’eruzione del Vesuvio dopo essere stata inattiva per migliaia di anni. Circa il 60% dei vulcani del mondo che iniziano a mostrare questo tipo di attività, poi, esplodono.